Tommaso Pironti'O cap' 'e Suggità, a cura di Cristiana Anna Addesso


pdf
Scarica il testo in PDF


Il “dramma napoletano” ’O cap’ ’e Suggità (1915), riproposto nel 1920 con titolo mutato (’E cammurriste!), qualche variante e ricondotto alla misura di un unico atto, risulta un testo teatrale sufficientemente strutturato. In una bettola della campagna aversana, gestita da Nicola e Caterina, sta per tenersi un agguato ai danni di una coppia di commercianti della napoletana Piazza Mercato, Luigi e Maria. Artefici ne sono Gennarino ed Ernesto, alla cui “paranza” risulta affiliato anche lo sprovveduto Nicola; sua moglie Caterina è infatti oggetto delle attenzioni di Gennarino, che cerca in ogni modo – prima blandendola e poi minacciandola – di convincerla a diventare la sua donna. I due camorristi obbligano quindi gli ostieri ad aiutarli a trattenere in locanda i due napoletani in arrivo col treno, attirati in zona con un pretesto; Maria è infatti nelle mire del camorrista Eduardo, che intende farla sua con la complicità dei compari, ai quali spetta il compito di tenere a bada il marito Luigi. Giunge tuttavia nella locanda anche Ferdinando «’e Castiellammare», capo della società di Casalnuovo, che riconosce in Maria colei che, un tempo, non ebbe timore di nasconderlo nel suo negozio durante un regolamento di conti fra camorristi. Luigi, che si allontana per acquistare dei fiammiferi, viene ferito lungo la strada da Ernesto e torna in locanda grondante di sangue, mentre Maria sta per subire l’aggressione di Eduardo. Ferdinando si erge a suo difensore ma, nello scontro, è la stessa Maria a vibrare una coltellata ad Eduardo.

Il sistema dei personaggi risulta facilmente schematizzabile nella dicotomia manichea Bene-Male: da un lato le coppie Nicola-Caterina (gli ostieri) e Luigi-Maria (i commercianti), dall’altro la coppia dei loro rispettivi ‘oppositori’ Gennarino-Eduardo (i camorristi infami); né manca uno specifico ‘aiutante’, in tal caso il camorrista onorato (o camorrista gentiluomo) che sa ergersi a difensore degli oppressi e delle donne perseguitate, qui incarnato da Ferdinando «’e Castiellammare». Come in altri testi narrativi e teatrali a sfondo camorristico, anche qui sono le donne a rivelarsi nell’equilibrio scenico il «cavallo di Troia della comunità». Caterina e Maria, per quanto ammogliate, subiscono i continui assalti di Gennarino e di Eduardo, il primo convinto che Caterina possa aiutarlo a «turnà n’ata vota ncopp’’a bona via», il secondo arso dalla gelosia per non aver potuto sposare l’amata. È significativo che entrambe siano unite ad uomini deboli, onesti ma incapaci di comprendere ed affrontare il male che li circonda. Nicola, ingenuamente affiliatosi alla paranza di Gennarino, è infatti definito da Caterina «nu pachiochio» né intuisce – ad esempio – quali significati possa avere nel gergo camorristico affermare di saper «accidere a nu pullasto» (I, 2); simile è anche il profilo di Luigi, personaggio dai contorni un po’ sfumati, che – aggredito da Ernesto – si limita a giustificare alla moglie la sua posizione di debolezza con un «me dispiace ca nun tengo ’e fforze pe puterte vennecà» (II, 8). Le due donne badano, dunque, da sole a sé stesse. Caterina, che afferma più volte fieramente la propria condotta morale («so’ na femmena onesta!»; «v’aggio ditto tanta vote ch’io ’e stu ppane nun ne mangio»; «io mmiez’a fatte scuonceche nun me ce voglio mettere»), cerca a suo modo di ricondurre maternamente l’ostinato Gennarino sulla strada dell’onestà (ma ottenendone solo continue avances):

CATERINA […] torna a essere ommo onesto, lassa na vota e pe sempre sti prugette nfame che tiene, e sul’accussì putarraie acquistà ’a stima mia e ’o perduono ’e Dio. […] Gennarì, i’ ’o veco, e sento d’’e parole toie c’’o core tuio è buono, e che staie ancora a tiempo pe te luvà ’a dint’’a mala vita. Sì giovene, bello, nun te manche niente pe truvà n’ata femmena ca te vò bene, e ca putarrà farte felice. […] Sì, può essere felice; ncopp’’a terra tutto se po ottenè, basta ca se vo, e allora putarrie dicere cu superbia a tutt’amice tuoie: vuie site ’a feccia d’’a gente, si nun facite cumm’a mme strappannove ’a dinta all’anema sti sentimente nfame che tenite, ca so’ cundannate primma da Dio e ppo’ d’’o simmele nuosto. (II, 3)

È tuttavia Maria ad incarnare sulla scena la forza delle donne costrette a confrontarsi quotidianamente con la realtà della camorra, ponendosi quale ‘femmina d’onore’, esatto double del camorrista ‘uomo d’onore’. Maria sa trattare senza timore con gli infami sin dalla prima gioventù, quando – come racconta il camorrista-capo Ferdinando «’e Castiellammare» – non ebbe timore a nasconderlo nel proprio negozio: «vuie, m’’o ricordo cumme si fosse mo, senza spaventarve, dicisteve a chelli carogne ca dint’’a puteca vosta nun s’era annascuosto nisciuno e accussì me salvasteve ’a vita» (II, 2).
Minacciata da Eduardo, Maria alterna brevi momenti di pavidità a fierissime prese di posizione come la seguente:

MARIA Si, io sceglio ciente vote ’a morte. Scellerato, nfame, tu cride ’e me fa mettere appaura? Ma t’è scurdato ch’io so’ nata mmiez’a nu quartiere addò ’e femmene nun hanno maie avuto paura ’e nisciuno. Jammo, dimme maritemo addò sta, pecché si l’hê fatto quaccosa, io femmena e bona sò capace ’e te sceppà ’o core ’a pietto. (II, 5)

La minaccia avanzata da Maria non può che trasformarsi presto in una conferma e, ergendosi a difenditrice del proprio onore e a vendicatrice delle ferite inferte al marito, non le resta che ristabilire l’ordine turbato dai camorristi infami, accoltellando al cuore di Eduardo.


Edizione di riferimento

Tommaso Pironti, ’O cap’ ’e Suggità. Dramma napoletano in 2 atti, Napoli, Tommaso Pironti, 1915 (viene ripubblicato con varianti nel 1920 col titolo ’E Cammurriste! Dramma napoletano in 1 atto).


Altre edizioni

Tommaso Pironti, ’E Cammurriste! Dramma napoletano in 1 atto, Napoli, Pironti, 1920 (con varianti).