Giuseppe De Lucia, Mala gente, a cura di Cristiana Anna Addesso


pdf
Scarica il testo in PDF


Mala gente. Scene napoletane in 1atto
risulta, al momento, una delle sole tre opere ascrivibili al profilo, dai contorni assai sfumati, di Giuseppe De Lucia. Come lo stesso autore dichiara nella breve nota introduttiva, Mala gente andò in scena al Teatro Partenope di Napoli il 9 marzo 1909 con «esito lusinghiero»; per questo l’autore ringrazia Ernesto Calace di averlo benevolmente spronato a rappresentare il bozzetto, inducendolo a superare alcune remore derivanti dal fatto di considerarsi un «indiscreto che cerca di intromettersi in un ambiente estraneo per lui»: l’allusione potrebbe andare al fatto di svolgere una professione lontana dall’attività teatrale o di confrontarsi con tematiche e personaggi mai sperimentati in precedenza.

L’atto unico è ambientato in un’osteria di campagna (l’«Osteria dei Buoni Amici» a Capodichino, «vicino all’abbeveratora») ove convengono i due camorristi Michele e Andrea, incaricati di sorvegliare Celeste, una delle figlie dell’oste Giovanni, per conto del capo-camorrista Nicola Esposito, intenzionato a farla sua. Ad accoglierli è tuttavia la sorella Margaritella; la scaltra ragazza sospetta subito per il fare indagatorio dei due («A fisiunumia e sti duie pulicinielle nun me capacita, e tengo d’uocchie!!...»: scena I) e riesce, per altro, a risolvere una paventata contravvenzione per gioco d’azzardo “passando” «una lira» a Don Alfonso, macchiettistica guardia municipale poco pratica di codici e leggi ma intenzionata a non figurare quale «sciabola ’e cartone», simbolo di una giustizia statale qui assente e chiaramente corruttibile. Ne sa qualcosa l’oste Giovanni, impazzito per il dolore di aver accidentalmente ucciso con un colpo di pistola sua figlia Rosa nel tentativo di difenderla proprio da Nicola Esposito, troppo presto uscito da galera («Figliema vo’ vendetta, e io l’aggia vendicà… Essa nun è stata vendicata d’a justizia e l’uommene pecché… nun ’o saccio pecchè […]»: scena III), ed ora intenzionato a far valere un suo presunto diritto sulla gemella Celeste, già fidanzata però con Carluccio, prototipo dell’uomo d’onore:

 

Carluccio        (intervenendo) So n’ommo c’aggiu pigliato tanto a core ’a sventura vosta, ca me
considero cumme ’a nu figlio d’o vuosto. Io voglio bene a Celeste. Celeste
rappresenta pe mme, tutt’a vita mia. Essa, sape ’e ntenzione meie, l’aggio amata,
e l’aggia rispettata comm’a na sora, chesto ’o pozzo ricere, a voce chiara. Guaie
chi ncuollo a sti figliuole ricesse na parola. Io lle so stato chiù che frato, e, lloro,
’o ponno ricere.  
(Scena III)

 

Nell’equilibrio scenico Nicola Esposito incarna, dal suo canto, non semplicemente il camorrista ma l’infame appartente – appunto – alla categoria della “mala gente”, come cerca di spiegare Michele, disponibile sì a fargli da palo ma non a costo di tradire Carluccio, suo padrone di lavoro. È Michele infatti a disegnare rapidamente il profilo del camorrista “onorato”, «vero», braccio armato di una giustizia - chiaramente sommaria - a difesa di deboli e fanciulle oneste:

 

Michele           […] se isso se vanta d’essere cammurrista, io te rico, che nun è vero cammurrista
chillo che leva ’a stima ’e annore a na figliola onesta. Nun è cammurrista chillo ca
usa preputenza, ma ’o cammurrista vero, è chillo che difende o debole, d’o forte,
da tuorto a chi spetta salva difende annore d’e figliuole auneste, pecché sulo
facenne chesto, fa na cosa annurata… (per andare s’incontra con Nicola)   
(Scena III)

 

Lo scontro tra Carluccio e Nicola, giunto nell’Osteria a reclamare di persona Celeste, è inevitabile e torna ad esservi sottolineata la differenza tra “camorristi” e “mala gente” :

 

Carluccio      Io invece ve rico ca nisciuno diritto tenite e venì cca. Nu delitto è stato cummesso
ed è pe mezza vosta… Nuie ce sapimmo, appartenite a chella categuria d’uommene
ca pe disprezzo so chiammate cammorriste. Ma stu nomme ’e cammurriste, vuie
nun avite ’o diritto ’e tenè, pecché vuie appartenite ’a mala gente, a feccia d’a
suggità. Parlammoce chiare, stu parlà a Celeste ’e che se tratta?

 

Il presunto debito che il creditore Nicola Esposito, all’apice della rissa con Carluccio, reclama da Celeste e famiglia viene tuttavia saldato dall’anziano Giovanni che esplode un nuovo colpo di pistola e colpisce a morte Nicola: «Sta vota ’o colpo, nun l’aggio sbagliato», esclama, ripristinando gli equilibri.



Edizione di riferimento

GIUSEPPE DE LUCIA, Mala Gente. Scene napoletane in 1 atto, Napoli, Tommaso Pironti editore, 1910

 

Rappresentazioni

Napoli, Teatro Partenope, 9 marzo 1909