Francesco Gabriello Starace, Nu guaglione 'e mala vita, a cura di Cristiana Anna Addesso


pdf
Scarica il testo in PDF

Nu guaglione ’e mala vita fu portato per la prima volta in scena al Teatro Fenice di Napoli il 24 gennaio 1886 ed in seguito stampato nel 1891 presso il libraio D’Ambra, anno della morte di Achille Mastriani (nipote del romanziere) che ne fu l’interprete principale e cui il bozzetto è appunto dedicato dall’autore.

L’opera ha per Vittorio Viviani «una sua sincerità di linguaggio» e appare «migliore di tanti esemplari naturalistici venuti dopo»; anche Gaspare De Martino, direttore della rivista teatrale «Proscenio». la ritiene «il documento migliore delle [sue] attitudini teatrali», «un piccolo capolavoro del genere» (naturalistico). Fermo è invece il biasimo di Aniello Costagliola, che reputa Nu guaglione ’e mala vita un «mediocrissimo componimento», il cui successo fu probabilmente dovuto al clima anti-scarpettiano in cui fu scritto e solo alla bravura degli interpreti. Costagliola non intende spendere troppe parole sull’opera e sul profilo dell’autore che, per lui, «non merita copia di commenti». Starace non è un letterato e pertanto Costagliola ritiene «scarsissime» le sue doti «di genialità e di cultura». Guardando alle prove del teatro naturalista Starace pensò di dare il suo contributo alla riforma, accingendosi ad essa «con alacre cuore», ma per Costagliola non ebbe alcune qualità necessarie: «l’educazione stilistica» e «l’abito alla ricerca formale e sostanziale»; «ebbe intuito più che coscienza» nel dipingere le figurine popolari che agiscono nei suoi testi. Le sue commedie, insomma, non sarebbero per Costagliola «cose d’arte», «non eccellono per bontà di forma, né di sostanza. Onorano ma non fortificano il nostro teatro dialettale» (cfr. Napoli che se ne va. Il teatro – La canzone, [1918], Napoli, Berisio, 1967, pp. 100-101).

Il testo ha per protagonista il giovane Peppeniello, soprannominato «’o sparatore» per l’abilità nel maneggiare la pistola, fiero di essere considerato un «guaglione malandrino», cinico nell’affrontare i rischi della malavita («abbasta che ve persuadite che s’ha da morì na vota, o se more primme, o se more doppe, sempe ’o stesso è»: scena V) e nel dichiarare quanto sia disposto a tutto pur di intascare denaro: «A me quanno me servono chelli scellerate lire, compà, aggio vedè a dò ponno ascì, o essa [la madre, n.d.a.], o sorema, o a nnammurata mia, me l’anno dà, si nò mazzate a muzzo, comme chiuvessero» (ibidem). Le entrate di Peppeniello provengono per la maggior parte dalla sua innamorata, la fiera popolana Nannina, «’a figlia d’a castagnara». A seguito di un’offesa perpretrata a Nannina da Vincenzo «’o sfrigiante» e di un’offesa personale ricevuta da quest’ultimo e dalla «paranza ’e guagliune d’ ’o mercato», Peppeniello deve “regolare i conti” col revolver per difendere il proprio onore. Nell’economia del testo teatrale gli fanno coro anzitutto la madre Carmela e la sorella Agnesina («Ngnesella»), entrambe sarte, il cognato Totonno, fidanzato di Agnesina e giovane onesto («Io capisco l’annore, ma ’o capisco ’e n’auta manera. Saccio che nu giovene, quanno tene annore nfaccia, va faticanno pe s’abbuscà ’a lira e ’a porta a casa»: scena VI), e i “compari” di battesimo Gennaro e Nicoletta, vicini di casa. Come in altri testi teatrali a sfondo camorristico, emerge anche nell’opera di Starace la figura archetipica della madre vedova, che ha ben intuito la strada intrapresa dal figlio, «spina» inflitta al suo cuore, e attende il compiersi dell’irreparabile: «nu iuorno ’e chisto avimmo nu brutto dispiacere!» (scena I). Preso atto dell’inutile tentativo del macchiettistico compare Gennaro a ricondurre sulla retta via Peppeniello con una paternale alla buona, Carmela comprende di dover lei stessa affrontare il figlio, pronto a scendere in strada per “regolare i conti” e difendere l’onore di Nannina (cfr. scena VI):

Carmela           Siente, piccerì, tu da chella porta nun ghiesce, primme m’aie d’accidere a me. Si haie core da fa chesto, allora accideme pure mò che faie buono! (si mette innanzi alla porta di fondo)

Peppeniello      Mà, mà, lasseme passà! Pienze che quanno Peppeniello ha data na parola, se ne cade ’o munno, ma chello à dda essere!

Carmela           Ah! nun me vuò sentere? Embè, io mò me metto allucca a coppa ’a fenesta, chiammo ’e guardie e te faccio arrestà c’’o revolvere ncuollo, è meglio vederte carcerato, che venirte a vedè dinto a nu spitale.

Altrettanto fieramente Carmela affronta Nannina, avendo presto intuito la disonesta condotta della giovane popolana («figliete m’appartene, io ’o dongo a magnà! se piglia ’o sanghe mio, e quanno è ’o mumento, tanno m’ha da servì!»: scena VII). È proprio lo scontro verbale e morale tra le due donne a far vacillare le convinzioni di Peppeniello, che conserva un fondo di bontà e di amore filiale:  «Nannì, io a mammema ’a voglio bene assaie!» (ibidem). Obbligato comunque a far rispettare il proprio onore, Peppiniello scende in strada per affrontare i compagni di malavita un’ultima volta; rientrerà poco dopo ferito, accolto tra le braccia della madre che può finalmente congedare per sempre Nannina: «Iesce! Figlieme t’ha pavate c’’o sanghe!» (scena ultima). 
Abbastanza interessante risulta, inoltre, la scena II, attraverso la quale anche Starace intende intervenire sulla questione del Risanamento a Napoli, particolarmente sentita da numerosi letterati napoletani tra iniziale entusiasmo e progressiva perplessità sulla qualità e sulle conseguenze sociali degli interventi edilizi ed urbanistici attuati. Nel testo teatrale, che alcune spie intratestuali ci dicono ambientato nel quartiere del Pendino (al «vico Paparelle»), sono Carmela, Agnesina e il compare Gennaro ad affrontare e riflettere sul Risanamento, il cosiddetto «sventramento» di cui proprio Gennaro cerca di spiegare il significato alle due ignare e preoccupate donne:

Gennaro           Commara mia, lo sventramente significa… (io mò comme nce l’aggia fa capì a chesta?) Che ne levene la parte de miezo ’e Napole, cioè a dire, come sventrassero na gallina; comme ne levassero ’o mollicone da miezo a ’o paniello; ’o fracete da dinto: avite capito?

Carmela           E a nuie che nce resta, ’a scorza?

Gennaro          Eh! nce resta a nuie? La scorza se la magnene ll’aute, pecché levanno ’o fraceto, chello ’e tuorne è saporito, e ognuno ne vularria nu poco.

Il compare chiarisce a Carmela e Agnesina che numerose case nuove saranno costruite a beneficio delle classi popolari, ma in realtà saranno destinate a quella parte della piccola borghesia che potrà permettersi di pagarne il fitto. Il “popolo minuto” sarà sloggiato dai quartieri coinvolti nello sventramento;  né ha senso l’immagine paternalistica che Carmela conserva del Sindaco poiché, presto o tardi, il Risanamento avanzerà fino alla zona del Pendino dove tutt’al più resterà solo memoria di quello che «fu il vico Paparelle»:

Carmela           E che d’è, levene ’e case, e nun ne fanno cchiù?

Gennaro          No, anze ne farranno assaie… tutte case belle… spaziose, con aria, luce, piante, giardini, fontanelle…

Ngnesella        Uh! che bella cosa, me facite arapì tanto nu core.

Gennaro          Si, ma nce stà nu ma…

Carmela          E che d’è stu ma?...

Gennaro         Li denare pe li pavà addò stanno, che ve li dà?

Carmela         Comme pavammo ’o pesone mò, ’o pavammo pure tanne.

Gennaro         Ve credite vuie? Avita vedè chelli case quante ne vonno!

Carmela          E nuie povera gente che nun putimme pavà addò nce ne iammo ’e casa?

Gennaro         Mmiezo ’o campo; llà se respira aria bbona, e nun se paga pesone.

Carmela         Compà, nun pazziate, chisto è nu guaio gruosso assaie! Mò sti ddoie cammarelle, pavo 40 lire ’o mese, e me li leve da vocca pe li ddà a ’o patrone ’e casa, e si chiste ncasano ’a mano cu ’e pesune, addò ’e vaco a piglià?

Gennaro         Va buono, commà, nun vi affliggite ’a mò, ca ’o fatto è alluongo… Fino a che discutene e fanno i progette; e pò lli mmenene nterra, nce vò tiempo assaie, va trova si ’o vedimmo pure.

Carmela           E nuie simme figliule ancora, che diavolo!

Gennaro          Commara mia, cheste sono cose che le vedranno i figli nuoste.

Carmela           Ma chesta è ’na cosa che ’o Sinneco nce avarria da mettere nu riparo. Tutte a povera gente che va mmiezo a strada! Succede che ’e signure hanne ’e case bbone, e pagano cchiù poco, e nuie nun avimmo addò irce a riparà.

Ngnesella        E stu vico nuosto pure ’o meneno nterra?

Gennaro         Sicuramente, questo è uno dei predestinati alla sparizione, si dirà: qui fu il vico Paparelle al Pendino!


 

 

Edizione di riferimento

G.F. Starace, Nu guaglione ’e mala vita. Bozzetto napolitano in un atto, Napoli, Libreria Editrice Teatrale Francesco D’Ambra, 1891.

 


Altre edizioni e ristampe

Napoli, D. Abbatino, 1897;

Napoli, T. Pironti, 1909;

Napoli, E. Gennarelli, 1921;

F.C. Greco, La scena illustrata. Teatro, pittura e città a Napoli nell’Ottocento, Napoli, Pironti, 1995.


Rappresentazioni

Napoli, Teatro Fenice, 24 gennaio 1886 (debutto)