Libero Bovio e Rodolfo Falvo, Guapparia, a cura di Rita Duraccio



Guapparia
è una canzone del 1914 scritta da Libero Bovio (Napoli, 8 giugno 1883 - 26 maggio 1942) e musicata da Rodolfo Falvo (Napoli, 7 luglio 1873 – 4 dicembre 1937). Oggigiorno è annoverata tra i classici napoletani divenuti immortali celebri in tutto il mondo.

Guapparia parla di un uomo offeso dalla sua donna, Margherita, «'a femmena cchiù bella d''a 'Nfrascata». Chiama a raccolta un gruppo di suoi amici («Scetáteve guagliune 'e malavita!...») che sono in grado di suonare degli strumenti e li porta con sé per la città a cantare contro (o forse per?) la sua donna («pecché, stanotte, 'a voglio 'ntussecá»), urlando a tutti che senza alcun problema sarebbe capace di cantare fino al sorgere del giorno seguente solo per mettere «'ncroce a chi...mm'ha miso 'ncroce...». Tutto il “concertino” organizzato dagli altri ragazzi sembra essere profondamente partecipe della tristezza dell’amico innamorato ed offeso («chiagne tutt''o cuncertino, addó' ch'avess''a chiagnere sul'i'...»), che un tempo era il più potente del quartiere della Sanità, mentre ora, distrutto per amore, si è ridotto ad essere un poveraccio, quasi un buffone che ha perso tutta la “guapparia”.

Ma perché è così offeso? Dobbiamo sottolineare che la sua Margherita non gli ha fatto niente di male. Se la serenata è «'ntussecosa assaje» è solo per la caduta di stile e d’onore di questo guappo, ridottosi a cantare serenate, a manifestare e ad elemosinare amore. Il guappo di questa canzone ha quindi il coraggio di dichiarare a tutti il suo grande affetto per la donna e la sua debolezza anche a costo di essere cacciato via «'a dint''a suggitá!...». Di qui dobbiamo dedurre un importante cavillo del codice d’onore del guappo: egli non può comportarsi come un uomo comune perché non lo è, non deve esserlo, non può dimostrare debolezze, deve “comportarsi da uomo” e non da donnina, senza esternare i propri sentimenti. Ecco perché in Guapparia lui si sente tradito: ha perso il suo status. Ecco perché canta contro Margherita: la ama, le fa serenate, ma la colpevolizza anche.

La donna è uno dei simboli del potere del guappo. Così come egli ha bisogno di oggetti di lusso per ostentare il suo potere, allo stesso modo è necessario avere una donna bellissima, magari la più bella della sua zona di dominio. Allo stesso tempo la donna del guappo è una specie di suo alter ego, è colei alla quale le donne si rivolgono per ottenere intercessioni per grazie e favori, quasi come se fosse una santa, una propaggine del braccio guappesco. Questa condizione procura una sorta di potere e di soddisfazione a tali fragili figure femminili, che però vengono tenute dai propri fidanzati e mariti costantemente in posizione subalterna. Spesso brutalmente picchiate, vivono costantemente in uno stato di continua tensione e incertezza, ritenuto purtroppo “necessario” per evitare che si esaltino troppo per questo loro, seppur  lieve, potere di spalla-alter ego del loro uomo. Se la donna viene meno al suo ruolo deve esser punita con la morte, perché l’affronto all’onore può esser lavato via soltanto con il sangue.

Potremmo classificare Guapparia come una “canzone di giacca”, ovvero una canzone in cui la tematica riguarda la figura del guappo, che si presenta sempre elegantissimo e ben vestito, con cravatta e giacca (ecco il perché di questo nome). In questo tipo di canzone c'è in realtà uno strano gusto per situazioni sanguinarie e crudeli, come quella dell'innamorato respinto che uccide la sua donna che l’ha lasciato per sposare un altro uomo. Gli autori di queste canzoni narrative sono persone comuni che guardano al mondo del guappo con un pizzico d'invidia reverenziale. I protagonisti delle canzoni di giacca non sono nemmeno veri e propri guappi, ma dei poveri diavoli che del guappo vorrebbero imitare i comportamenti per entrare in possesso del suo lustro di uomo temuto. In molte di queste canzoni il protagonista rivendica, dopo il misfatto, la sua innocenza, affermando che è stata la donna a provocare il suo gesto. Dunque, è la donna la vera e perenne colpevole di tutto.

Ecco qui di seguito il testo di Guapparia:


Scetáteve, guagliune 'e malavita...
ca è 'ntussecosa assaje 'sta serenata:
Io sóngo 'o 'nnammurato 'e Margarita
Ch'è 'a femmena cchiù bella d''a 'Nfrascata!

Ll'aggio purtato 'o capo cuncertino,
p''o sfizio 'e mme fá sèntere 'e cantá...
Mm'aggio bevuto nu bicchiere 'e vino
pecché, stanotte, 'a voglio 'ntussecá...

Scetáteve guagliune 'e malavita!...

E' accumparuta 'a luna a ll'intrasatto,
pe' lle dá 'o sfizio 'e mme vedé distrutto...
Pe' chello che 'sta fémmena mm'ha fatto,
vurría ch''a luna se vestesse 'e lutto!...

Quanno se ne venette â parta mia,
ero 'o cchiù guappo 'e vascio â Sanitá...
Mo, ch'aggio perzo tutt''a guapparía,
cacciatemmenne 'a dint''a suggitá!...

Scetáteve guagliune 'e malavita!...

Sunate, giuvinò', vuttàte 'e mmane,
nun v'abbelite, ca stó' buono 'e voce!
I' mme fido 'e cantá fino a dimane...
e metto 'ncroce a chi...mm'ha miso 'ncroce...

Pecché nun va cchiù a tiempo 'o mandulino?
Pecché 'a chitarra nun se fa sentí?
Ma comme? chiagne tutt''o cuncertino,
addó' ch'avess''a chiagnere sul'i'...

Chiágnono sti guagliune 'e malavita!...


Il testo di Libero Bovio è articolato in tre strofe, ognuna composta di due quartine e un verso singolo. La musica è stata composta da Rodolfo Falvo per rispondere a tale schema. Infatti, Guapparia inizia con una breve introduzione orchestrale, ripetuta per tutto il corso della canzone tra una strofa e l’altra. Ogni sezione è articolata nel modo seguente: si passa dalla prima quartina musicata interamente in tono minore alla seconda in tono maggiore, tramite una modulazione che è tipica della canzone napoletana classica. Il tono diventa di nuovo minore nella seconda metà della quartina, per poi confermare l’impianto minore della canzone nel verso singolo.

Come tutte le canzoni di giacca, nelle strofe la melodia è più incalzante, di solito in tempo ternario come in questo caso, mentre nel ritornello tende a distendersi in valori più ampi. In questo caso il ritornello è il verso singolo.

Predomina, tra tutti gli strumenti, il flauto, che spicca dall’organico orchestrale tramite un’abile e sapiente esecuzione di volatine.


Link per l'ascolto:

- Interpretazione del 1966 di Nunzio Gallo (Napoli, 25 marzo 1928 – Telese Terme, 22 febbraio 2008):

- Interpretazione di Claudio Villa (Roma, 1º gennaio 1926 – Padova, 7 febbraio 1987)