Peppe Lanzetta e Pasquale De Cristofaro, L'opera di periferia, a cura di Bernardina Moriconi


pdf
Scarica il testo in PDF


opera periferiaL’opera di periferia
di Peppe Lanzetta, in due atti e in venticinque scene, si configura come un musical su quella periferia napoletana più volte raccontata dall’autore e da diverse angolazioni narrative. Qui Lanzetta realizza una performance corale ambientata all’ombra delle Vele di Secondigliano, che valgono metaforicamente come fondale intercambiabile dei tanti bronx metropolitani.

Fatti e misfatti, scontri tra bande e traffici illeciti, sogni spezzati e sballo che spezza la vita con droghe tagliate sono rappresentati a suono di rap che restituisce il ritmo nevrotico e compulsivo di esistenze consumate sempre ai margini di qualcosa:


Rap furioso rap ‘nzamat

‘e chi sotto ‘e Vele

tene ‘o core sfriggiato

da’ notte, do’ juorne, da’ pasta e fasule,

do’ vino ‘a gassosa, da’ birra e do’ crack,

‘na  canna, ddoie canne,

n’esercito ‘e canne, eroina tagliata

e ‘o ragù s’è bruciato,

stu tempo fa male

comme fosse ‘na mala

ca’ tutte ‘e juorne ce manna ‘o spitale
(Primo atto, undicesima scena, Canzone, Rap furioso)

La periferia, cui rinvia il titolo della pièce, non è diversa da quelle che si ritrovano in altri luoghi del pianeta: zone grigie e indefinite, fronti temporanei o durevoli di guerriglie e dolore:

Patrizio: Se more ‘o terzomondo pecché manca l’acqua!

Marco: Se more ‘o terzomondo a Secondigliano pecché qualcheduno ha deciso ca’ là s’adda murì. (Primo atto, prima scena)
Non a caso gli scontri tra bande vengono assimilati a quelli che insanguinano il vicino universo mediorientale, così “ ’a striscia ‘e Gaza” che “nun trova pace” si contrappone a “na striscia ‘e cucaina” che “me dà ‘a pace” e la faida camorristica  si mescola e confonde con l’ intifa(i)da palestinese: segno di una globalizzazione distorta o fraintesa.

Un hinterland, quello di Lanzetta, popolato da etnie diverse che convivono e si fronteggiano dando vita a una nuova desolata Babele che ha come unico collegamento con altre realtà la televisione, estremo feticcio postmoderno capace di regalare a un’umanità, deprivata di sogni e fantasia, illusori e consolatori modelli di vita offerti a colpi di sponsor da fiction e reality:

Giusy: Po’ vulevo sapé pecché stasera site venute accussì tardi?

Patrizio: Chilo chisto s’è ‘ngrippato isso e ‘o grande fratello…se mette annanze ‘a televisione e nun vò sapé cchiù niente!

Romolo: Chella è ‘a televisione che v’ha bombardato a vuje… v’ha stupetute… io po’ vulesse sapé ‘na cosa… chille là che stanno ‘ncoppo a l’isola d’e famosi… né, ma ce steve proprio ‘o bisogno d’e mannà ‘ncoppo a n’isola spersa ‘e Santo Domingo? ‘E mannavano ‘a casa mia, ‘nda cucina d’a casa mia… bastava che arapevano ‘o frigorifero…ate che famme! (Primo atto,  quarta scena)

Nella coralità di queste storie senza storia si individua il filo sottile di una singola vicenda, quella di Carlo, che sogna il riscatto grazie alla boxe e intanto si sfibra negli incontri c landestini, e di sua madre Aurora, abbandonata da anni dal marito e che sbarca il lunario facendo la maga. I problemi della povera gente non li risolve però con carte e tarocchi, ma prestando soldi con interesse e facendo qualche lavoro sporco per il clan a cui è affiliata, che la utilizza anche come insospettabile sicario. Fino a che il suo contatto con l’organizzazione, don Vincenzo, non le affida il più inimmaginabile e crudele degli incarichi: deve eliminare  il suo stesso figlio che, deluso dal pugilato e ignaro dell’attività criminosa di sua madre, ha iniziato a farsi strada nel traffico di droga per un clan avversario.

Non si sa se la madre porterà a compimento il suo mandato, perché queste storie senza storia non hanno inizio né fine. A Lanzetta interessa piuttosto tratteggiare in modo ora intriso di ironia ora di struggente lirismo un contesto suburbano che di poetico ha ben poco. E lo fa con una scrittura che rivela (o conferma) una consuetudine con la cultura angloamericana, musicale e letteraria, ma che – come sottolinea Luciana Libero nella prefazione - è intrisa pure della teatralità napoletana, da quella popolare delle sceneggiate e dei neomelodici per arrivare agli autori canonici della drammaturgia partenopea, che spesso hanno portato sulle scene il mondo degli emarginati e degli oppressi: dagli zingari e scugnizzi vivianei alle digiacomiane “epopee melò di carcerati e sfregiate sugli scanni delle cupe aule dei tribunali”.  Passando naturalmente per Eduardo, citato attraverso uno scambio di battute  (Enzo:  -Che vulite dicere,ca io fosse ‘o tipo ‘e me vennere ‘a lavatrice ‘e mammà? - Romolo: - Guagliù… sa’ vennute ‘a lavatrice! -) che ricalca in modo quasi identico il botta e risposta tra Luca Cupiello e suo figlio Tommasino: Tommasino: - Nun accuminciammo! Io non ero il tipo che mi vendevo le scarpe sue! - [dello zio paterno]  Luca /…/ : - S’ha vennuto ‘e scarpe. -( Natale in casa Cupiello, atto primo). Parimenti, anche il tradizionale repertorio canoro partenopeo viene miscidiato con altre sonorità e parafrasato per adeguarlo a un nuovo modo di essere e di sentire:

Alex: Je so napulitano e si nun canto moro… oddio moro… svengo, me sento poco buono, vengo meno dint’e cosce… ma moro proprio no /…/

Marco: Tornano ‘e bastimente da terre assaje vicine, parlano napulitane ma so’ tutte algerini /…/.

 

 

Edizione di riferimento

Peppe Lanzetta, L’opera di periferia,  con prefazione di Luciana Libero e postfazione di Pasquale De Cristofaro, Plectica, Salerno, 2008.

 

Rappresentazioni

Roma, Teatro Parioli, 10 aprile – 22 aprile 2007, regia: Pasquale De Cristofaro, musiche di Massimo Severino.                                
Napoli, Teatro della Villa Comunale il 21 e 22 giugno 2008 nell’ambito del Napoli Teatro Festival Italia.

Napoli, Cortile del Maschio Angioino, luglio 2008, nell’ambito della rassegna Il Teatro Musicale Napoletano.