Anonimo, Cicereniello Sangodoce, guappe de le Cavaiole, a cura di Fiorina Izzo


pdf
Scarica il testo in PDF

L’azione si svolge interamente a Napoli, in particolare in Largo delle Pigne (oggi Piazza Cavour) così denominato perché fino al 1638 si ergevano due antichi alberi di pigne, poi abbattuti per volere delle monache del vicino convento, sorto nel 1630 sulla proprietà dei signori Moscabruno.

Elementi scenografici importanti che fanno da sfondo all’azione sono la strada, il caffè di Peppino, la curia e la casa di Meneca. Protagonisti, oltre ai due sovracitati, il guappo Cicereniello Sangodoce, il notaio don Eusebio, Pulcinella macellaio di «puorce» e Antoniella. Causa scatenante della vicenda è l’amore del barrista Peppino per Antoniella. Antagonista è Cicereniello Sangodoce, il quale però desidera convolare a nozze con Meneca ma più che animato da un vivo e sincero sentimento d’amore, per la sua ricchezza; solo così «addeventerà pure llu chiù ricco de lu quartiero». Dunque, il guappo de le Cavajole cerca di ostacolare l’unione di Peppino e Antoniella, perché la donna è sotto la sua protezione e, pertanto, egli l’ha destinata allo sciocco mercante di bestiame, Pulcinella.

Come qualsiasi malandrino, Cicereniello si mostra fiero di sé, del fatto di comandare ed aver potere anche sulle donne, in questo caso Meneca, perché « Non ncè che dicere, quanno uno è ommo cu lli costate fa sta a pasta a tutto lu munno accurrenne, e a ogne parola che dice, è na legge pe chille che la sentono». Per questo, lo stesso Peppino non può sfuggire alle sue prescrizioni; al guappo non si comanda ma si obbedisce:
CICERENIELLO       Bravo, tu si n’ommo, nu guaglione attiento, e io te tengo pure sotto a la protezione, una cosa però allicordete de chello che t’aggio ditto tre ghiuorne arrete: Ntoniella la serva, chella figliola che vene a piglià robba pe la patrona a lo café mio, non è pane pe li diente tuoie, e allasca, ca si nò no dito che t’appoio ncopp’a la mammoria, te zuffunnarrà.
E lo stesso poco più in là a Antoniella:
CICERENIELLO A Cicereniello Sangodoce nun se dice maie no… io songo lo bruttone de sto quartiere e tutto chello che io voglio, tutto s’ha da fà. Pigliete l’antacete pe llu lario de lli pigne, furia, lli sturie, lla nfrascata, e bide che te dicene: na parola non se repleca, ca si nò bello, bello, paccare a dicine, mazzate a centenare, e cortellate a migliare adderitture.
Il povero Peppino non si dà pace, non sa come reagire, lui che ha un cuore di lepre e non di leone! Nel frattempo, la donna deve allontanarsi da Peppino altrimenti- dice il guappo- non lo vedrà nè vivo e nè morto.  Suo futuro sposo sarà Pulecenella, perché ogni sua decisione è legge:

CICERENIELLO     Allasca t’aggio ditto, e apparecchiete a dà la mano a chillo che io aggio destinato,  ca si nò, bello, bello, Peppino a n’auto pare d’ore, non llo truove ne mmuorto, e ne bivo.

ANTONIELLA        (beffandolo) Mamma mia. Ah tu mme faie mettere paura. E chi sarria chillo che me vuò dà.

CICERENIELLO Chillo che t’haie da spusà tu, è Pulecenella llu niozante de puorce che sta cca mmiezo.

ANTONIELLA Pulecenella… chillo scemone?

CICERENIELLO      Isso è chillo che t’aggio destinato.

ANTONIELLA         Ma nu marito accussì nzertono non fa pe la casa mia.

CICERENIELLO     Isso è chillo che t’aie da piglià, chiacchere non nce ne vonno… ca si nò già t’aggio ditto.

La ragazza finge di mostrarsi compiacente e comprende le moine pulcinellesche della sera precedente:

Ah ne, e quanno è chesto io me sto zitto, io po non steva tanto nformata: addonco perchesto aiersera quanno venette Pulecenella a trovarme se vrucculiave cu me, io le facette mala faccia, ma mo che saccio, ca tu lu prutiegge, llu trattarraggio comme se cummene, mannarraggio a llu storno a Peppino, e me lo spusarraggio cu tutto lo piacere possibile.

E così dice al povero Peppino:

Ne bello giò, che te cridive ca tu sulo stivo cca mmiezo; ntanto da ogge nnante veco de mettere tenne a n’auta parte, e tu si p’occasione tenisse quacche vermo ncapo, levatillo, ca io aggio da fa chello ca cummanna Cicereniello…

In realtà, Cicereniello, pensa di realizzare il suo scopo primario (il matrimonio con Meneca) attraverso l’aiuto - specie economico -  di Pulcinella:

CICERENIELLO    E chisto è n’auto affare. Pulecenella me l’aggio da tenè accattivato; isso è chillo che quanno me servono denare caccia senza fa chiacchere, e perciò l’aggio avuto da fa contento facennelo sposà a Ntoniella… Ma sulo voglio vedè de jettà nterra llu matrimmonio mio co Meneca; è becchia ma sta mpurpata, e stu fusticiello ccà, quanno a la guapparia ng’aunisce purzì li chiuove, farrà sta zitto tutta la cità accorrenno (siede al caffè).

Non fa i conti, però, con la furbizia della sua donna e del suo amante, il notaio don Eusebio: il testamento di donazione da parte di Meneca a Cicereniello è falso!

Intanto, Pulcinella sa di avere un rivale d’amore e, perfettamente consapevole di essere ritenuto stupido e sciocco, vuole darsi un’aria di prepotente, perciò l’amico guappo dovrà istruirlo e dargli lezioni di guapparia, in cambio di monete e di «na bella cape de puorco cu li mascariello nturzate»: 
CICERENIELLO       Chesta è cosa da niente, mo te donco io na nfarenatura coppa coppa, e tu ne portarraie la puglia; miettete ca.

PULCINELLA          So lesto.

CICERENIELLO      Tiseco, e dritto comm’a me.

PULCINELLA          Accossi.

CICERENIELLO      Se, na mano mpietto.

PULCINELLA          La vi ccà essa.

CICERENIELLO      Appena che llu vide, tu llu tiene mente ntravierzo doppo le faie na fiscatella accossì.

PULCINELLA          Se, me persuade.

CICERENIELLO       Po, llu chiamme, a buje.

PULCINELLA          A buje.

CICERENIELLO       Na cernuliata accussì e na ventuliata de renucchio pe metterlo ntimore.

PULCINELLA          Caspeta comme vaco bello.

CICERENIELLO       Chillo vedenno chesto fa subeto la faccia ianca.
PULCINELLA          E già.

CICERENIELLO      Doppo te miette la coppola a 23 e mezo, e le dice: a buie: pe regolazione vosta, chella quale bardascie appartene a mioteche, e si tioteche non allasca, mioteche te ventuliammo la porvere da copp’a lu pelliccione.

PULCINELLA         Se.. (ripete ciò che ha detto Cicereniello)

CICERENIELLO     Quanno tu l’haie ditto sti parole, chillo addeventa na pecora, e te cerca scusa, si pe ncasione volesse fa lu nfernuso; tu allora haiè da fa sti 3 mosse. La primma jetta n’allucca, e muovete comme si vulesse caccià quacch’armatura, la seconna n’auto allucco cchiù forte, e ammollechealo nu caucio. Appena chillo ha avuto llu caucio llo vide fuì comme a no lepre.

PULCINELLA         Cicereniè, tu m’haie date la vita, lassa fa a me, ca te voglio fa vedè che annore me faccio.
E veniamo al momento della sfida, in cui il povero Pulcinella ha la peggio, forse – a suo detto - per la scarsa bravura del maestro. La scena finale, così è la derisione del credulone Pulcinella, che credeva nella sincerità dell’aiuto e nell’amicizia di Cicereniello; lui che, invece, nella sua semplicità e forse rozzezza, mostra sempre un cuore tenero.
Mentre trionfa l’amore e  Cicereniello è bersaglio degli altri personaggi, spetta proprio al Pulcinella «cetrulo»  definire il vero guappo:

PULCINELLA        Vattenne ca lezione de guapparie non ne voglio chiù. Guappe non nce ne so state non nce ne stanno e non nce ne starranno. Lu vero guappo sapite chi è? Chillo che se fa lu fatto suio.