Anonimo, 'E tre guappe ammartenate con Pulcinella, a cura di Fiorina Izzo


pdf
Scarica il testo in PDF


La brillantissima commedia ’E tre guappe ammartenate con Pulcinella è un atto unico edito da Pironti nel 1909. L’atmosfera che vi respira è popolare e l’azione si svolge in un non meglio specificato «paesello di campagna nelle vicinanze di Napoli». Nella pièce, anonima e probabilmente di area petitiana, Pulcinella è servo del generale Stockmann ed incarna i tratti tipici che la tradizione gli riserva: insaziabile voracità, sfrontatezza, goffagine. È il personaggio che, cosciente dei problemi in cui si trova, riesce sempre ad uscirne con un sorriso, prendendosi gioco dei potenti pubblicamente e svelando i retroscena.

Sin dalla prima battuta, si intuisce che l’autore ha basato tutto sull’incomprensione linguistica dei personaggi, creando così verve e comicità: da un lato, il generale che si esprime in perfetto italiano, dall’altro Pulcinella legato al dialetto. Il gioco degli equivoci, però, investe totalmente il personaggio di Pullecenella, ritratto stupido, ignorante, popolano, «sempre sciocco, sempre inetto, sempre melenso» come lo definisce il Generale. Infatti questi,  preoccupato di un possibile attacco nemico, invia il suo servo dall’Oste per controllare la situazione e cercare di carpirne notizie. Invece, Pulcinella si reca dall’Oste del palazzo e, accolto in maniera dolce, riesce a mangiare quanto questi prepara, in particolare 17 polpette composte da «carnem, passis, pignolis, cetronatus, pepus et salus», accompagnate «cu quatto paniello ’e pane ’e munizione» e 12 «pullastre gruosse e grasse».

Non poteva poi mancare un elemento peculiare del genere commedia, quale l’amore. Ed ecco, infatti, Pulcinella dialogare del dolce sentimento con la bella e popolana giardiniera Ninetta, già vedova di due mariti ed ora corteggiata da tre «spacca muntagne». Il povero servo, si duole della sua “zitellagine”, dovuta al suo aspetto fisico: «na faccia ca me pare na mulignanella, no naso ca me pare nu puparuolo ’e parula, na vocca larga larga, na capa ca chiacchiarea essa sola…».

La donna, allora, è andata al Palazzo per chiedere consiglio al generale su come comportarsi:

NINETTA     Signore mio, i’ so’ venuto a consultà Vostr’Eccellenza pe n’affare che me riguarda. Cumme sapite io so’ vedova ’e duje marite salute a buie, e l’urdemo ch’era ciardiniero ’e Vostr’Eccellenza murette affucato cu na brasciola ’ncanna.

Dato che è giusto rimaritarsi perché « n’ommo int’’a casa sempe ce vò», vuole un favore da sua Eccellenza, guappo:
NINETTA    Sti nnammurate mieje so tutte ’e tre spacca muntagne, ma ’e na manera tutta nova. ’A bon’anema ’e maritemo era guappo, e io pure a nu guappo me vurria spusà, ma nun saccio si chisti lloco songo overamente tale, pecché me pareno tre sbruffune che parlano sempe e non conchiudono maie. ’Nzomma io vurria che Vostr’Eccellenza ch’e guappo ’e nomme e ’e fatto, ’e mettesse a prova, e me sapesse a di a chi ’e tutt’’e tre m’aggia spusà.

Il guappo-generale convoca i tre pretendenti presso di lui e verificherà, con uno stratagemma la loro guapparia e, in caso affermativo, li assumerà come guardiani. In caso contrario, Ninetta sarà lieta di dar loro «tanta pacchere e tanta cauce», al fine di farli «rummanè carreche ’e meraviglia».

Il primo presunto guappo è Sciarappo, che così si presenta:

Io quanno esco mmiez’’a strada ’a matina c’’o cappiello a vintitre ore e meza, e c’’o mustacciello ngrifato, tutte quante diceno: ’o villoco, ’o vi mo passa Sciarappa Serra Serra ’o figlio ’e Pieto Pieto. Basta dirve ca sulo na guardata d’’e meje ve fa tremmà tutt’’o quartiere…

[…]

Basta, ve voglio cuntà nu piccolo fatticiello (a soggetto). L’altro giorno io stavo fermato vicino al Teatro Partenope a guardare i cartelloni, quando una chiorma di scugnizzi passando al mio fianco mi urtarono un poco. Non l’avessero maje fatto. ’E chiammaje nu mumento, lloro cercarono di fuggire, ma io li rincorsi, e avette il piacere di averne uno dint’’e mmane: ebbene, io l’acchiappaie per la ponta del nasillo e, con un solo sbalzo, lo sbalanzaie sopra un albero di pigne; e fu tale la sbalanzature che l’albero se sfunnaie, e accedette a na famiglia sana sana di quattordici perzone che in quel momento si trovavano a passà pe’ sott’a l’arbero.

Ed il generale gli offre la sfida:
GENERALE       Dovete sapere che essendo morto in questo giorno un mio domestico, ho fatto mettere il suo cadavere in una camera terrena per farlo sotterrare domani mattina. Io dunque desidero che voi questa notte restiate a guardare il morto, e mi basterà questa semplice prova per giudicare del vostro coraggio. Che rispondete?

SCIARAPPO     E c’aggia risponnere? Me dispiace ch’è na cosa ’e niente. I’ m’aspettava na cosa cchiù grossa. Sissignore io vaco a guardà ’o muorto e pure mille diavole si accorre. Però, voglio ’a vuie nu piacere sulo.

GENERALE     E sarebbe?

SCIARAPPO   ’E darme nu paro ’e butteglie ’e vino buono.
È la volta poi di Sfratta Campagna, il quale «sulamente cu nu sciuscio» riesce a gettare «pe l’aria dudece o tridece perzune». Basta emettere un solo grido e coi suoi due “polmoni d’acciaio” fa «murì ’e paura a na cinquantina ’e perzune.

E basta dirve ca na vota p’avè fatto nu sternuto na femmena prena ’e poche mise ca se truvava affianco a mme, figliaie primma d’’o tiempo e n’ata figliola ca l’accumpagnava avetta correre ’e pressa a pigliarse na misturella tanto d’’a paura ca se mettette. Signò, nun ce penzate, ca stann’io dint’’a casa vosta, v’assicuro ca nun ve guardarrà stuorto nisciuna perzona».

E questa è la prova di coraggio:

GENERALE      Da qui a pochi momenti dovete calare in una mia stanza terrena, colà troverete apparecchiata una tavola con un gran lenzuolo, vi avvolgerete in esso e vi stenderete sulla tavola fingendo d’essere morto, e ciò servirà per esperimentare il coraggio di un vostro rivale che dovrà guardarvi tutta la notte. Però voi non dovete muovervi, dovete restar fermo come se realmente foste morto.

Ed infine, ecco il terzo pretendente,  Spezza Colonna:

SPEZZA        Avite ’a sapè ca pe menà prete non c’è chi m’appassa, pecché tanta prete mengo, tanta chiuove ’nchiovo nfacci’’o muro. Io si tengo mente a na cummettiva ’e giuvinotte ’annurate ’e ffaccio venì ’a freva scarlatina, e quanno sputo a mano mancametto a rummorre miezo munno, e si a niente a niente faccio nu poco ’a campana quanno cammino vene ’a distruzione d’’o genere umano, chi fuie ’a ccà, chi fuie ’a llà,chi s’arrepara int’a nu palazzo, chi si rannicchiola int’a nu spicolo ’e muro, ecc. ecc. Figurateve ca na vota na rocchia ’e mariuncielle atturniajeno ’a carrozza ’e nu signore e ’o vulevano scannà, embè bastaie sulo ’a presenza mia pe’ fa pusà l’arme; però uno ’e lloro me vulette fà ’o smaniuso e io cu nu dito ’o vutaie tuorno tuorno e ’o facette fa ’o zerro zerro pe n’ora e meza. N’ata vota po’ ca me facette sfuì ’a cumbinazione ’e vuttà a nu cammurrista ncopp’’a lanterna ’o Muolo, p’’a bile vuttaie cu quatto ponie nu palazzo ’e casa ’nterra.

Ecco quanto dovrà fare:

GENERALE    Da gran tempo ho un vestito da ombra ch’io mi feci fare per uno scherzo da carnevale. Voi dovreste vestirvi coll’abito, andare nella stanza, e fingendo di volervi prendere il cadavere, dovete spaventare colui che lo guarda.

Intanto continuano gli equivoci di Stockermann con Pulcinella, il quale non ha eseguito ancora una volta alla perfezione le sue indicazioni (ha liberato un canarino del padrone e non ha consegnato una lettera) e per questo sarà costretto a trascorrere la notte nella stanza con i tre guappi “ammartenati”! Nessuna paura per il Pullecenella, perché egli stesso si definisce, nella scena IX con Ninetta e Sciarappo, un guappo seppur non «DE ’E pistola», nè « ’e stocco», nè « ’e curtiello». Lui, infatti, è guappo «d’’è lopa», svelando così al nemico d’amore, le sue pretese per Ninetta:

SCIARAPPA     Aspetta nu mumento, Ninè, io voglio sapè chisto che pretenne. Comme! Tu pureaspire a spusarte Ninetta?

PULCINELLA   Guì, mossiù.

SCIARAPPA    Vuie vedite, vuie vedite! ’E pulece pure teneno ’a tosse. Iammo, vattenne ca sinò t’afferro cu nu dito e te faccio j’ a piglià pede vicino ’a statua ’e Mamozio a Pezzullo.

PULCINELLA   Tu me manne a piglià pede a Pezzullo? Io me te metto una mano ’ncapo e te faccio cammenà cumm’’o tramme elettrico…

SCIARAPPA     E tu si ommo pe mme?

PULCINELLA    Io si!...

SCIARAPPA     Ma chi, tu proprio?...

PULCINELLA    Proprio io si… (si guardano minacciosi)

SCIARAPPA     Siente io n’aggio proprio cumpassione ’e te! E pirciò mo sa che faccio? Cu na scoppola te manno setteciento miglia sotto terra e accussì te faccio truvà giàseppellito.

PULCINELLA   Tu me faie truvà già seppellito? Io mo te sono na capuzzata al basso ventre e non
te faccio digerì cchiù ’e cicere cu ’e tagliarelle.

E all’indomani si sfideranno. Solo così- dice Pulcinella-  si potrà vedere chi di loro due sarà più “porpetta”!

Alla fine, nessuno dei tre si rivela essere guappo, coraggioso; sono semplicemente dei “rodomonti” e così la giardiniera sceglie Pulcinella, più per la sua simpatia che per altro…Se per il generale, i veri guappi «sono quelli che badano ai fatti loro», Pulcinella ribatte che gli attori sono guappi quando «sanno strappare almeno un solo applauso da questo rispettabile pubblico!...».