Aniello Costagliola, Il caffè della rosa, a cura di Vincenzo Caputo


pdf
Scarica il testo in PDF


Esclusa dalla silloge curata da Bracco nel 1929 (cfr. A. Costagliola, Teatro, a cura di R. Bracco, Napoli, Istituto Editoriale Meridionale, 1929), l’opera di Aniello Costagliola, Il caffè della rosa,  fu pubblicata nel 1912 a Napoli presso lo Stabilimento tipografico S. Morano in una versione parziale. Nel frontespizio, infatti, il testo è indicato con la sottotitolazione de “Il primo atto” e, inoltre, nell’elenco delle parti si fa riferimento a personaggi (come “Un prete” e “Un medico”) non presenti nell’atto stampato. Riproponiamo il dramma, così come è stato edito all’altezza del 1912, dal momento che, allo stato attuale delle ricerche, non è possibile individuarne l’ipotetica continuazione.

Il caffè della rosa, il cui proprietario è Mariano Cicero, risulta un luogo di incontro di persone di malaffare. Tra queste persone emerge un gruppo di finti mendicanti pronti a sfruttare bambini, uno scugnizzo e alcuni criminali. Ci troviamo di fronte a un’umanità misera, che cerca di sbarcare il lunario per sopravvivere. Si va dalla figura di Michelasso, riverita da tutti dal momento che le sue parole, decifrate, possono nascondere fortunati numeri da giocare al lotto, a quella di don Ciccio, il quale non esita ad approfittare di persone in difficoltà economica per sottrarre loro oggetti di valore. Da ricordare, poi, Minecariello, ’A Riccia e Sguessa, al quale la polizia perquisisce un coltello («Cagnetta (che ha frugato negli abiti di Sguessa, con lieve sorpresa) Nu curtiello a manico fisso? (A Viola). Brigadiè? / Viola (osservando il coltello e misurandolo su le dita) Fore misura! Lle serve pe fa ’a quèstua doppo mezanotte, a zì monaco! (A Cagnetta) Trattienelo. (A Mariano) Cicero! Pure te faccio levà ’a licenza. / Mariano Cavaliè, ma che pozzo fa’ ’a perquisizione a ogne avventore? E ’o lucale, po’, si scorza, capite? Garantitemi vuie»). Da evidenziare, in particolar modo, è la figura di Torepitore. Legato a don Ciccio (gioca a carte insieme a lui sulla scena), sfrutta le ragazze per ricavare denaro («Torepitore Ma… stasera pecchè nun sì asciuta? Che saie ca stammo troppo ricche? / Pascalina (annichilita) So’ asciuta, Salvatò! / Torepitore (brutale)  Va llà! Va ’o cconta a n’ato! Piccerè, tu nun mme faie capace! Mo tiene ’a minecrània, mo ’a malatia ’e stòmmeco, mo… che saccio che… E che te pienze ca io fosse lorde Parmestonne? O miette ’a capa a fa’ bene. O… salutàmmice. Denaro io nun ne tengo. / Pascalina (supplichevole, quasi aggrappandosi a lui) Salvatò!... / Torepitore (respingendola) Lassa! Si nun tiene comme fa’, ’mpignete ’a rusetta. (Ha adocchiato gli orecchini della donna). Iusto iusto: a me mme servono na ricina ’a franche. Cca sta ’on Ciccio»). Infastidisce, inoltre, i frequentatori della locanda, fino ad avere un duro scontro con il proprietario Mariano («Mariano (rattenendo la collera) Neh, Torepitò!... / Torepitore A me? / Pacifico (impetuosamente, digrignando) E’ Torepitore!... E semp Torepitore!... T’hanno accidere pe’ scagno! Magnafranco! Mariuolo! Dolendosi… Ah!... Mamma ’e Muntevergine! E cher’è ’a morte?! (a Torepitore) Mariuolo!... Va miette ’a scala, ’a notte!... Va magna ’n cuollo a chi saie tu!... Mariuolo! / Torepitore (risentito) Ohè! Pe chi t’è bivo, mo te mparo io ’a crianza! (È per scagliarsi contro il vecchio, ma è trattenuto dagli astanti). / Mariano (senza scomporsi, torturandosi i baffi e tentennando il capo, come a reprimere un moto di sdegno) E cher’è, forse, s’ha muzzecato ’a lengua , neh, Torepitò? / Torepitore (in un impeto di ribellione) Marià!... / Mariano (imperioso) A posto! (Torepitore si calma improvvisamente). Cca simmo carte canusciute ! / Torepitore (tentando di giustificarsi) Ma io… / Mariano Silenzo! Mpatta ’a facenna, pecchè ai tuorto. E te ripeto, pe ll’urdema vota, ca a me sti pazzie a fa’ male nun mme piaceno, ’int’ ’a puteca. Tu tiene ’a mangiatora vascia, e io tengo ’o mestiere soggetto. Mme so’ spiegato? Pigliate ’o sacco cu ’e pupe, e battenne a fa’ ll’opera a n’ata parte, pecchè, si no, Torepitò. – pe quanto è certo ’o Salvatore! –  mme te mangio meza recchia! (Con un gesto di disprezzo) Belli malandrine! Fanno ’e ntussecuse cu ll’uommene muorte! / Torepitore (fremente) Marià!... / Mariano (subito, con energia) ’O rispetto! […]»).

In questo clima di generale miseria e sopraffazione, nel corso della scena IX (l’ultima) dell’Atto I, nella locanda si nasconde il giovane Gennarino, il quale per aiutare la famiglia ha commesso probabilmente uno scippo («Mariano (subito) Mettiteve attorno a ’o bancone! (Gli astanti si affollano in torno al banco, in modo da nascondere Gennarino). E affettate indifferenza. Alluccate! Rerite! (Clamori e risate). A te, Pacì! Sona! Canta! (Forte, a Pacifico, che ancora s’indugia) Su!»).