Nota bio-bibliografica di Marco Risi
a cura di Armando Rotondi

TORNA a Fortapàsc

 

Figlio del maestro Dino, autore di alcuni dei più grandi capolavori del cinema italiano, Marco  Risi nasce a Milano nel 1951. Abbandonati gli studi universitari in filosofia, decide di seguire le orme paterne e lavorare nel cinema. È qundi assistente alla regia per il film Una stagione all’inferno (1971) dello zio Nelo Risi e, successivamente, di alcune pellicole di Duccio Tessari. Contemporanemante diviene sceneggiatore, collaborando alla stesura di alcuni lavori del padre, come Caro papà (1979). Dopo una prima esperienza come regista del documentario televisivo Appunti su Hollywood (1978), esordisce dietro la macchina da presa con la commedia Vado a vivere da solo (1982), con Jerry Calà, film ben lontano da quell’impegno civile che caratterizzerà, in seguito, la produzione del regista. La stessa comicità, così come anche lo stesso attore protagonista, sono presenti anche nei successivi Un ragazzo e una ragazza (1983) e Colpo di fulmine (1985).

Un punto di svolta nella sua carriera si ha con Soldati – 365 giorni all’alba (1987), con Massimo Dapporto, Alessandro Benvenuti e Claudio Amendola. Scritta da Risi con Furio Scarpelli, Stefano Sudriè e Marco Modugno, è un’opera fortemente matura e critica verso la vita di caserma fatta di nonnismo, in cui il regista si sofferma particolarmente sulla descrizione degli ambienti e delle psicologie dei personaggi. Grande maturità e impegno civile si ritrovano nei due seguenti film palermitani del regista, entrambi interpretati da giovani non professionisti: in Mery per sempre (1989) abbiamo una storia corale alll’interno del carcere minorile di Malaspina, dove il protagonista Marco Terzi (Michele Placido) si ritrova ad insegnare, osteggiato dalle guardie e dalla direzione stessa della struttura; Ragazzi fuori (1990) è la naturale prosecuzione della pellicola precedente, descrivendo la vita di ragazzi scarcerati da Malaspina a confronto con la vita quotidiana e “normale”. Entrambe le pellicole, considerate i capolavori del regista, vincono premi sia in Italia e all’estero, come il Gran Premio Speciale della Giuria al Festival di Montreal, assegnato a Mery per sempre, o il David di Donatello per la miglior regia a Ragazzi fuori.

Cinema di impegno civile  è anche quello rappresentato da Il muro di gomma, film inchiesta sulla strage di Ustica, scritto da Stefano Rulli, Sandro Pertaglia e Andrea Purgatori, giornalista del Corriere della Sera, prima ancora che sceneggiatore, che si occupò in prima persona della strage.

Dopo essere tornato brevemente al film comico con Nel continente nero (1993) interpretato da Diego Abatantuono, Risi volge il suo sguardo alla cronaca, narrando nel durissimo e sgradevole Il branco (1994) di uno stupro di due turiste tedesche compiuto da un gruppo di adolescenti della provincia romana.

Un racconto di Niccolò Ammaniti è alla base invece del deludente L’ultimo capodanno (1998), mentre ben più riuscita è la commedia Tre mogli con Iaia Fprte, Francesca D’Aloja e Silke. Nel 2007, in coproduzione con Spagna e Argentina, dirige il film biografico Maradona. La mano de Dios, che ricostruisce, avvalendosi di una mirabile interpretazione di Marco Leonardi, la vita di Diego Armando Maradona sempre in bilico tra successo e caduta, dall’infanzia a Buenos Aires, al trionfo al Mondiale ’86 e con il Barcellona, sino al Napoli e all’incubo della droga.

Ultima sua fatica è Fortapàsc (2009), scritto dal regista con Jim Carrington, Maurizio Cerino e Andrea Purgatori, sugli ultimi mesi di vita di Giancarlo Siani, corrispondente de Il Mattino da Torre Annunziata, ucciso in un agguato di camorra  il 23 settembre 1985.


 

Filmografia essenziale

Soldati – 365 giorni all’alba (Italia, 1987) – Con Massimo Dapporto, Claudio Amendola, Alessandro Benvenuti. Drammatico, col.

Mery per sempre (Italia, 1989) – Con Michele Placido, Claudio Amendola. Drammatico, col.

Ragazzi fuori (Italia, 1990) – Con Francesco Benigno, Filippo Genzardi, Alessandra Di Sanzo. Drammatico, col.

Il branco (Italia, 1994) – Con Giampiero Lisarelli, Luca Zingaretti, Ricky Memphis, Giorgio Tirabassi. Dramatico, col.

Maradona. La mano de Dios (Italia, 2007) – Con Marco Leonardi, Julieta Diaz. Biografico, col.

Fortapàsc (Italia, 2009) – Con Libero De Rienzo, Michele Riondino, Ernesto Mahieux, Massimiliano Gallo, Ennio Fantastichini, Renato Carpentieri, Gianfelice Imparato. Biografico, col.