’A 67, 'A camorra song'io, a cura di Carla Ardito


libero bovioIl brano, tratto dall’album d’esordio del 2005, è un autentico urlo dettato dal desiderio di dire basta alla Scampia della camorra, della sospensione della legalità. Il testo porta con sé un messaggio inequivocabile: “’o sistema”, così come viene definita la gerarchia e la struttura malavitosa in gergo, prima ancora di essere un impero economico, è una mentalità, un atteggiamento animato e sorretto dalla furbizia, dalla prepotenza. Il brano è un invito a riflettere, partendo dal presupposto che la voglia di cambiare esiste anche in condizioni di degrado. Dal punto di vista musicale “’A Camorra song io” presenta una forte carica eversiva: la tessitura vocale bassa, la voce roca e a tratti sabbiata di Daniele Sanzone è sostenuta dalla potenza degli strumentisti che contribuiscono a rendere fortissima la rabbia che solo la forza della denuncia, dettata da un profondo senso di appartenenza e di amore per la propria terra, può alimentare. Il gruppo, poliedrico, presenta caratteristiche del Crossover Rock, del Rapcore, e dell’Alternative Rock.   


'A camorra song’ io

 La camorra sono io

 

La camorra sono io

che ti guardo negli occhi

è sangue innocente

e lacrime di chi non può più niente

 

La camorra sono io

che ti guardo negli occhi

è la voce impotente

di chi tra stato e mafia è niente

 

E se 'a paura fa nuvanta

'a dignità fa Cientuttanta

tanta tanta tanta tanta tanta

voglia 'e cagnà voglia 'e cagnà

voglia di cambiare

 

La camorra siamo noi

che abbiamo paura di parlare

di guardarci dentro per uscire

da questa mentalità

 

Le mafia siamo noi

che abbiamo paura di parlare

di guardarci dentro e vincere

l’omertà...

 

E se 'a paura fa nuvanta

'a dignità fa Cientuttanta

tanta tanta tanta tanta tanta

voglia 'e cagnà voglia 'e cagnà

voglia di cambiare

 

solo prendendo coscienza del male

sarà possibile un reale cambiamento

 

E se 'a paura fa nuvanta

'a dignità fa Cientuttanta

tanta tanta tanta tanta tanta

voglia 'e cagnà voglia 'e cagnà

voglia di cambiare

 

La camorra sono io

che ti guardo negli occhi

è sangue innocente

e lacrime di chi non può più niente

 

La camorra sono io

che ti guardo negli occhi

è la voce impotente

di chi tra stato e mafia è niente

 

Se la paura fa novanta

la dignità fa centottanta

tanta tanta tanta tanta tanta

voglia di cambiare voglia di cambiare...

 

 

La camorra siamo noi

che abbiamo paura di parlare

di guardarci dentro per uscire

da questa mentalità

 


Le mafia siamo noi

che abbiamo paura di parlare

di guardarci dentro e vincere

l’omertà...

 

Se la paura fa novanta

la dignità fa centottanta

tanta tanta tanta tanta tanta

voglia di cambiare voglia di cambiare...

 

 

solo prendendo coscienza del male

sarà possibile un reale cambiamento

 

Se la paura fa novanta

la dignità fa centottanta

tanta tanta tanta tanta tanta

voglia di cambiare voglia di cambiare...