Giovedì 01 Settembre 2011 00:00

Concetta Barra, Canto del Filangieri, a cura di Cristiana Anna Addesso



libero bovio

Il Canto del Filangieri, inciso nell’album Nascette mmiez’’o mare e riarrangiato per Concetta Barra da Roberto De Simone, è un canto popolare affidato alla tradizione orale. La ballata, accompagnata dal suono della sola chitarra e giocata sulla musicalità dialettale di assonanze e consonanze più che su rime perfette e metrica regolare, va contestualizzata nell’ambiente del napoletano Asilo Filangieri, un tempo ricovero carcerario di correzione e rieducazione minorile collocato nella zona di San Gregorio Armeno. A parlare in prima persona è infatti un «guagliunciello» destinato a percorrere un rapido cursus honorum camorristico diventando prima «mariunciello», quindi «picciuotto ’e malavita», «scassinatore ’e primma riga» ed infine assassino. Il ritornello, ripetuto per due volte ad apertura e poi a metà del canto, e l’insistente voce «Se, se, se...» posta a chiusura di ogni strofetta, lasciano subito intendere la proterva arroganza e la sfacciata superiorità del protagonista di fronte alla legalità: le manette e il carcere sono per il picciotto di malavita rispettivamente bracciali d’oro e residenza da villeggianti, così come estremamente facile gli sembra sfuggire a «chillu strunzo d’’o maresciallo», che cerca di arrestarlo, sgattaiolando sicuro per alcuni celebri quartieri napoletani (i Quartieri Spagnoli e Via Ventaglieri). Il maresciallo, in quanto rappresentante di una legalità assente in città nell’ottica del guaglioncello-picciotto, non suscita in lui alcuna preoccupazione e non merita nemmeno «o’ caucio nculo» che vorrebbe tanto tirargli. Il picciotto è libero di scorazzare ovunque voglia e di godersi il paesaggio del golfo, assieme ad altri camorristi, i «ricottari», che cercano di sfruttare ancora la prostituzione in un periodo in cui evidentemente i maggiori guadagni derivano dal contrabbando e da altri affari illeciti sempre più vicini alla moderna criminalità organizzata («’a ricotta nun se fa cchiù»). Eppure, il furbo guagliunciello-scassinatore è tratto in arresto proprio da «chillu strunzo d’’o maresciallo» e condannato da un magistrato «cornuto» a tre anni di carcere per aver commesso un grande furto, nonostante la topica ammissione di innocenza. Nella seconda parte della ballata l’insistente «Se, se, se...» sembra così caricarsi di una coloritura ironica ancor più marcata, dal momento che l’orgoglioso picciotto è convinto di riuscire ad evitare di scontare la pena («I tre anni non li faccio»; «i tre anni non li farò»). Ma il tempo passa ed aumenta con esso il desiderio di vendetta. L’Asilo Filangieri non ha in questo caso ‘corretto’ né redento il traviamento sociale e morale del giovane ospite. Il guaglioncello-scassinatore appena uscito ha già in tasca un «cortelluccio»: il destino del magistrato che lo ha condannato è stato scritto e meditato nei tre anni di ‘villeggiatura’ carceraria.



CANTO DEL FILANGIERI

Chi dice ca ’e manette so’ d’ acciaro

a me me pareno bracciali d’oro.
Chi dice ca stu carcere è na galera

a me me pare na villeggiatura.

Quann’ero guagliunciello

mamma mia m’’o ddiceva

mo grandiciello me so’ fatto

e mariunciello m’aggio ’mparato.

Se, se, se...

Me ne saglie pe’ Quartiere

me ne scengo pe’ Ventagliere

chillu strunzo d’’o maresciallo

appriesso appriesso me vò arrestà.

Se, se, se...

Mariscia’ tu nun m’arrieste

Ncopp’’e vive e ncopp’’e muorte

Ncopp’’o sanghe ’e chi t’è muorto

nu caucio nculo t’aggia chiavà.

Se, se, se...

’O caucio nculo nun t’’o dongo

so’ picciuotto d’’a malavita

scassinatore ’e primma riga

’o caucio nculo nun t’’o do.

Se, se, se...

Me ne vaco abbascio ’o mare

veco ’o mare che fa zuzù,

comme chiagnene ’e ricuttare

che ’a ricotta nun se fa cchiù.

Zu, zu, zu...

Chi dice ca ’e manette so’ d’acciaro

a me me pareno bracciali d’oro.
Chi dice ca stu carcere è na galera

a me me pare na villeggiatura.

Mentre andavo sul ponticello

che conduce a casa mia

al caffè della malavita

una pattuglia mi arrestò.

Se, se, se...

Mi arrestò per un grande furto

che da me non fu commesso,

chillu strunzo d’’o maresciallo

in galera mi mandò.

Se, se, se...

Capoposto, per favore,

mi dai penna carta e inchiostro

devo scrivere alla mia bella

che mi porta da fumà.

Se, se, se...

La mattina in tribunale

la mia bella si presenta.

Quel cornuto del magistrato

a tre anni mi condannò.

Se, se, se...

I tre anni non li faccio :

so’ picciuotto d’’a malavita,

scassinatore ’e primma riga,

i tre anni non li farò.

Se, se, se...

I tre anni son passati :

’a galera song’asciuto;

nu curtelluccio m’aggio accattato

e ’o magistrato aggio ammazzato!