Salvatore di Giacomo e Salvatore Gambardella, Don Carluccio, a cura di Rita Duraccio


 

Don Carluccio (tarantella malamente) è una canzone del 1897, scritta da Salvatore Di Giacomo (Napoli, 12 marzo 1860 – 5 aprile 1934), musicata da Salvatore Gambardella (Napoli, 17 novembre 1871 – 29 dicembre 1913) e vincitrice del primo premio al Concorso del Circo delle Varietà.

Figura centrale della canzone è Don Carluccio, guappo che esalta con convinzione e orgoglio il suo status di capo della società: «Io so’ guappo. E stonco ’e casa dint’ ’o vico ’e Ffuntanelle […]». Nel quartiere comandato da Don Carluccio vi sono le donne più belle di tutta la Sanità. Tra queste, vi è una venditrice d’olio ambulante dai begli occhi come di seta nera, che come fari abbagliano gli uomini che la guardano. Quest’immagine sembra quasi fondere evocazioni di donne angelicate del Dolce Stilnovo con quelle di fatalmente seducenti creature preraffaellite. Un’altra bellissima donna che affascina il guappo del vicolo delle Fontanelle è un’ostessa, padrona della cantina dove egli si reca sempre a bere. Nonostante Don Carluccio sia l’uomo più temuto e rispettato della zona, egli è molto sensibile alla bellezza femminile e in fondo ha il cuore tenero: sa provar compassione per le delle povere vedove disperate, come la stessa ostessa o la venditrice d’olio («ma stu core è nu butirro ca ncopp’ ’o ppane se po’ mangià!»). Vantandosi di essere un vero e proprio “sciupafemmene”, desiderato da ogni rappresentante del sesso femminile del suo “regno”, egli sa che nessuna donna gli resiste e che ognuna gli presterà sempre i propri favori: «Nun ce sta negozio apierto addò subbeto nun traso, ’o cchiù ppoco aggio nu vaso ’o cchiù assaie n’ ’o ppozzo dì!...». D’altronde il guappo, per affermare il proprio status, sa di aver bisogno anche di un largo stuolo di donne che pendono dalle sue labbra, quasi a conferma del suo strapotere in ogni campo. E così Don Carluccio se ne va a passeggio per le strade del suo quartiere, chiamando a raccolta le sue belle: «Belli ffe’! Ccà sta ’on Carluccio! Chi mme vo’? Chi ’o va truvanno?...».

Ecco qui di seguito il testo di Don Carluccio:

I

Ll’ ugliarara ‘a cchiù gentile

sta int’ ’o vico ’e Ffuntanelle

addò ’e femmene cchhiù belle

stanno ’e tutta ’a Sanità!

CORO:

Stanno ’e tutta ’a Sanità!

Cu na vita ’e seta janca,

cu ciert’uocchie ‘e seta nera,

luce ’o juorno e luce ’a sera,

e fa ll’uommene abbaglià!

CORO:

E fa ll’uommene abbaglià!

Puverella! ’A cchiù de n’anno

trapassato ll’è ’o marito!

Chiagne, ’o chiamma, ’o va truvanno…

CORO:

’O va truvanno… ’O va truvanno…

COL CORO:

E tiritò!

Tiritì!

Tirità!...

Songo ’o capo d’ ’a suggietà,

Chisto è ’o capo d’ ’a suggietà,

ma stu core è nu butirro

ca ncopp’ ’o ppane

se po ’ mangià!

II

Dint’ ’o viculo ’e rimpetto

ce sta rrobba assaie cchiù ffina

è ’a padrona d’ ’a cantina

addò a bbevere vaco i’!

CORO:

Addò a bbevere vaie tu!

O sarrà sta sprinia ’Averza,

o ’a strettezza d’ ’o lucale,

o ccert’ è… ca mme fa male,

mm’aggia sosere e aggia ascì!...

CORO:

S’ha dda sosere e ha dda ascì!...

Cantenè!... Se non m’inganno

pure vèrola vuie site…

(Pure chesta ’o va truvanno!...)

CORO:

’O va truvanno… ’O va truvanno!...

COL CORO:

E tiritò, ecc.

III

Io so’ guappo. E stonco ’e casa

dint’ ’o vico ’e Ffuntanelle,

addò ’e ffemmene cchiu belle

a mpazzia vanno pe me

CORO:

A mpazzia vanno pe te!

Nun ce sta negozio apierto

addo subbeto nun traso,

’o cchiù ppoco aggio nu vaso

’o cchiù assaie n’ ’o ppozzo dì!

CORO:

’O cchiù assaie nun ‘o ppo’ dì!...

Io mm’ ’a faccio passianno:

Belli ffe’! Ccà sta ’on Carluccio!

Chi mme vo’? Chi ’o va truvanno?...

CORO:

Chi ’o va truvanno… Chi ’o va truvanno?...

COL CORO:

E tiritò, ecc.


Il testo di Salvatore di Giacomo si articola in tre parti, ciascuna composta da due quartine e una terzina separate l’una dall’altra da un coro che ripete l’ultima frase delle strofe che spettano al solista. Alla fine di ogni sezione vi è un insieme di solista e coro che cantano la strofa in cui Don Carluccio afferma di essere un duro dal cuore tenero, ribadita ben tre volte proprio per enfatizzare la sua sensibilità verso il mondo femminile.

Don Carluccio è, come si evince dal sottotitolo, una tarantella. Quest’ultimo termine designa alcune danze dell’Italia Meridionale dal tempo prevalentemente veloce e in vario metro, sia in modo maggiore che minore a seconda delle varianti locali. La partitura è in 6/8, cioè in tempo ternario, e dal carattere Allegro. Dopo una breve introduzione strumentale, alla battuta 10 inizia il canto, che procede per lo più all’unisono con la melodia dell’accompagnamento. Le battute 1-31 sono impostate in modo minore, precisamente in FA minore. Alla battuta 32 vi è una modulazione in FA maggiore. Il modo maggiore di questa seconda parte prosegue fino alla fine del brano. Poiché il testo di Di Giacomo è articolato in tre sezioni, la partitura è impostata con un ritornello che permette di ripetere altrettante volte il brano, fino all’accordo solo finale in FA maggiore e in un deciso ff.