Nota bio-bibliografica di Pasquale Squitieri
a cura di Armando Rotondi

TORNA a Camorra

I guappi

L'ambizioso


pasquale_squitieriPasquale Squitieri nasce a Napoli il 27 novembre 1938. Dopo la laurea in Giurisprudenza, debutta nel cinema come regista e sceneggiatore con Io e Dio (1969), prodotto da Vittorio De Sica, per poi dedicarsi allo spaghetti western, seguendo il modello di Sergio Leone e realizzando, con lo pseudonimo di Willam Redford, Django sfida Sartana (1970) e La vendetta è un piatto che si serve freddo (1971).

Dopo questo primo periodo, Squitieri, adoperando il suo nome vero, si concentra su di un cinema di impegno sociale e politico, non lontano da quello del concittadino Francesco Rosi per tematiche, ma molto diverso per stile. Come Rosi, anche Squitieri si occupa di aspetti scomodi della realtà italiana quali i contatti tra mafia e politica o l’evolversi della camorra, sino al terrorismo. Si ha così la trilogia “ideale” sulla camorra rappresentata da Camorra (1972), I guappi (1974) e L’ambizioso (1978), ma anche i film sulla mafia come Il prefetto di ferro (1977), Corleone (1978) e Il pentito (1985). Il tema della droga è invece presente in Viaggia, ragazza, viaggia, hai la musica nelle vene (1974) e Atto di dolore (1990). Si occupa di terrorismo ne Gli invisibili (1989), di “morti bianche” ne L'avvocato De Gregorio (2003), mentre Razza selvaggia (1980) e Il colore dell'odio (1990) affrontano l'argomento dell'immigrazione.

Oltre ad aspetti oscuri della realtà italiana odierna, Squitieri lega il suo nome a film storico-politici altamente provocatori e per lo più su tematiche meridionaliste, come ad esempio i già citati I guappi e Il prefetto di ferro. In questo contesto si inseriscono anche Claretta (1984) e Li chiamarono... briganti! (1999). Quest'ultima fu una delle sue opere più discusse, tanto da essere immediatamente ritirata dalle sale cinematografiche, poiché dava un’idea completamente atipica del periodo post-unitario. Nota Gianni Rondolino come Squitieri non sia tanto interessato al processo di meridionalizzazione dell’Italia, quanto a quello di terzomondizzazione del Sud.

Legato sentimentalmente a Claudia Cardinale, che ha recitato in gran parte delle sue pellicole, Pasquale Squitieri è anche attivo come regista teatrale. Lo stesso Francesco Rosi lo fa esordire nel 1963 come attore sulle tavole del palcoscenico. Come detto tra i due v’è un filo comune dell’impegno civile, che si materializza in due modi di fare cinema diversi: cinema d’inchiesta e ragionato quello di Rosi, mentre le pellicole di Squitieri provocano e mirano a prendere lo spettatore alla pancia, grazie anche a un sapiente utilizzo dei mezzi cinematografici a disposizione.


Filmografia essenziale

Django sfida Sartana (Italia, 1970) – Con Tony Kendall, Giorgio Ardisson. Western, col.

La vendeta è un piatto che si serve freddo (Italia, 1971) – Con Klaus Kinski, Leonard Mann. Western, col.

Camorra (Italia, 1972) – Con Fabio Testi, Raymond Pellegrin, Jean Seberg, Enzo Cannavale. Drammatico, col.

I guappi (Italia, 1974) – Con Fabio Testi, Claudia Cardinale, Franco Nero. Drammatico, col.

Viaggia ragazza, viaggia, hai la musica nelle vene (Italia, 1974) – Con Leopoldo Trieste, Victoria Zinny. Drammatico, col.

Il prefetto di ferro (Italia, 1977) – Con Claudia Cardinale, Francisco Rabal, Giuliano Gemma, Stefano Satta Flores. Drammatico, col.

L’ambizioso (Italia, 1978) – Con Joe Dallessandro, Stefania Cassini, Raymond Pellegrin. Drammatico, col.

Corleone (Italia, 1978) – Con Claudia Cardinale, Francisco Rabal, Giuliano Gemma, Stefano Satta Flores. Drammatico, col.

Razza selvaggia (Italia, 1980) – Con Enzo Cannavale, Angelo Infanti. Drammatico, col.

Claretta (Italia, 1984) – Con Claudia Cardinale, Philippe Lamaire, Catherine Spaak. Drammatico, col.

Il pentito (Italia, 1985) – Con Max von Sydow, Franco Nero, Tony Musante. Drammatico, col.

Gli invisibili (Italia, 1989) – Con Victor Cavallo, Alfredo Rotella. Drammatico, col.

Atto di dolore (Italia, 1990) – Con Claudia Cardinale, Bruno Cremer. Drammatico, col.

Li chiamarono… briganti! (Italia, 1999) – Con Enrico Lo Verso, Claudia Cardinale, Giorgio Albertazzi. Storico, col.

L’avvocato De Gregorio (Italia, 2003) – Con Giorgio Albertazzi, Ciro Capano, Anna Tognetti. Drammatico, col.


Bibliografia essenziale

D. Monetti (a cura di), Pasquale Squitieri – Un autore di cinema e non solo, Napoli, Guida, 2009.