PDF  | Stampa |  E-mail
Martedì 01 Maggio 2012 00:00

Starace Francesco Gabriello, Vicienzo 'o sfriggiante, a cura di Michela Florio


pdfScarica il testo in PDF


Vicienzo ’o sfriggiante è un dramma in un atto di Francesco Gabriello Starace  tramandato dal ms 1530 conservato nella sezione Lucchesi-Palli della Biblioteca Nazionale di Napoli. Il dramma rientra nel genere del bozzetto drammatico, prodotto tipico del teatro napoletano di fine Ottocento ed inizio Novecento in cui, parallelamente alla letteratura e alle arti figurative coeve, si puntava alla riproduzione della vita quotidiana delle classi disagiate e della piccola borghesia.

Sèguito, come precisa lo stesso titolo del manoscritto, del più noto e più volte edito Nu guaglione ’e mala vita dello stesso Starace, Vicienzo ’o sfriggiante ha per protagonista ancora una volta “Peppeniello ’o sparatore” costretto di nuovo, questa volta suo malgrado, a scontrarsi con il suo rivale di sempre: Vicienzo detto «’o sfriggiante». Causa dello scontro è nuovamente la popolana “Nannina ’a castagnara” anche qui innamorata di Peppinello, ma allo stesso tempo ardentemente desiderata dal malandrino Vicienzo. I due giovani si erano già affrontati in passato, come racconta il bozzetto Nu guaglione ’e mala vita, in una lite sfociata in un regolamento di conti con il revolver finito con il ferimento di Peppiniello. Nel testo Vicienzo ’o sfriggiante si assiste ad una sorta di “conversione” di Peppeniello, il quale sottolinea più volte di aver cambiato vita e di non essere più un “guaglione malandrino” soprattutto di fronte ai suoi amici e parenti che non fanno altro che rammentargli il suo passato da «malamente»: «Zi Raffaè, nun me mortificate chiù. Doppo chell’appiceca me so cagnato in tutte e pe tutto me dispiace sulo de chella povera vecchierella e mammema»  (scena II).  Emerge, dunque, la figura di un ragazzo nuovo, pentito degli sbagli del passato e deciso a restare per sempre sulla retta via. Il giovane ricorda con tristezza e pentimento gli enormi sbagli che la vita da «malandrino» gli ha portato. Il suo pentimento si manifesta soprattutto nelle parole usate nel racconto delle vicende passate fatto al suo amico Totonno nella Scena II. A cercare di riportarlo sulla strada della perdizione è però ancora una volta Nannina, che si dichiara perdutamente innamorata di lui:. «No, Peppeniello, io a cà non me movo. Sacce che io te sonco stata sempe fedele, che Vicienzo lu sfriggiante è venuto sempe appriesso a me, ma l’aggio sempe disprezzato. Tu sulo si l’ammore mio, pe te me vuttarria dint a na furnare de fuoco» (scena IV). Nel confronto fra i due, Peppeniello ribadisce ancora una volta di essere ormai lontano dalla vita da delinquente che conduceva in passato e ne addossa la maggior parte delle colpe alla donna:  «Siente chi nun te conosce te crearria, ma io te saccio e te risponno che pe causa toia so stato surpunto de murì acciso, pe te so state sotto l’ammunizione perseguitato da la polizia. Pe te aggio maltrattato a mammema, la quale insieme a sorema  pe mantenè li vizie stevene diune li ghiurnate intere. E quanno me so sosuto da dentro lu lietto aggio truvato tutto vennuto, e sorema tutta stracciata chella povera vecchia e mammema co nu tocco nun puteva parlà cchiù…me dimanne, l’hai sufferto tu? Tu che me vante l’ammore sincero… io dico invece che l’ammore scellerato, che tu pe me si na serpe velenosa, e che meriteresti d’essere scamezzata la capa. Ma io nun lu facevo pecchè si femmene e me faie compassione». Nannina, visto il rifiuto del ragazzo giura di fargliela pagare e sarà proprio quest’ultima ad aizzare definitivamente Vicienzo contro Peppeniello «[…] Viciè si tu me vuò fa nammurà e te a Peppeniello falle e fa na scumparsa….». (scena VII). Ancora una volta, quindi un regolamento di conti che, questa volta, vede come parte offesa Vicienzo. A difendere il proprio onore e quello di Nannina è Vicienzo che in quanto uomo di malavita, non conosce altra lingua se non quella del revolver e, non accettando la “conversione” di Peppeniello, cerca di aizzarlo per riportarlo sulla cattiva strada (cfr. Scena VIII). Nel finale la situazione degenera: Vicienzo dà uno schiaffo a Peppeniello il quale, sentendo forte il desiderio di vendicarsi dell’affronto subìto e per difendere lo zio Raffaele coinvolto nella lite, prende il revolver e spara uccidendo Vicienzo. Peppeniello così vede fallire il suo sogno di una nuova vita lontano da revolver e galera, il destino lo trascina di nuovo in quella vita che si era illuso di poter abbandonare.

Vicienzo:     Tu si na carogna (gli dà uno schiaffo  e tira il revolver).

Peppeniello: schiaffo…

Francesco:   Te, fa marenna (spara e fugge via)

Raffaele:     Mamma do Carmine…so muorto!

Peppeniello: Ah! Traditore assassino (strappa il revolver dello zio), (spara contro Vicienzo) iè murì.

Vicienzo:     Spara, nun te mettere appaura, ah so muorto.

Brigatiere:    Che fa?

Tutti:           Che è succieso?

Peppeniello:   Arrestateme era destino.     (scena ultima).

Nell’ultima battuta di Peppeniello si legge amarezza ma soprattutto tutta la una forte rassegnazione di fronte al destino che lo ha costretto a comportarsi ancora una volta da «guaglione ’e mala vita».

A smorzare i tono tragici del bozzetto troviamo le avventure di Don Gennaro, il macchiettistico compare di Peppeniello, che in Nu guaglione ’e mala vita aveva cercato con una paternale alla buona di riportare il giovane Peppeniello sulla retta via. Nel bozzetto in questione Gennaro, stanco di essere calpestato da un mondo in cui tutti si comportano da malavitosi, rivendica a tutti i costi rispetto per il posto che occupa nella società e minaccia di farlo con le maniere forti diventando egli stesso un malandrino. Ma quando si tratta di passare ai fatti, mostra tutta la sua vigliaccheria suscitando l’ilarità di sua moglie Nicoletta e del giovane Peppeniello. Proprio di quest’ultimo nella prima scena, Gennaro vuole vendicarsi poiché Peppeniello ha preso la sua carrozza lasciandolo a piedi:

Gennaro: No, a me non me capacita manco nu reggimento de surdarto. Comme a me se fa questa bella azione? […] peggio peggio a me nun me fa paura nisciuno. Isso se chiamma Peppeniello lu sparatore e io Gennarro Tagliavia, isso tene lu rivolvere, e io me la veco cu li mmane.

Nicoletta:   Gennarì…

Gennaro:    […] stasera è na brutta serata, ca sa dà sparà.

Nicoletta:   è che venuto Natale?

Gennaro:   Tu qua Natale. Io parlo de rivolvere.

Nicoletta: Gennarì fatte capace, e che buò fa mo, vuò fa succedere n’ata vota comme ’a chella notte,                                         che lu cumpariello o ferettero mortalmente.

Gennaro:  Io so ommo de penna…ufficiale giudiziario Usciere conosciuti, se accido nu paro de loro nun pavo manco nu centesimo.

Peppeniello: […] Zii Raffaè simme arrivate.

Nicoletta : (Gennarì, lu cumpariello).

Gennaro: Caro cumpariello, si arrivato? N’aggia tanto piacere.

Nicoletta: (Gennarì, e pecchè nun hai fatto cchiù niente?)

Gennaro: e tu pecchè non maie avvertito che Peppeniello steve venenno. Io me so raffredato cu lo sange.    (prima scena).

Il testo non è mai stato edito e non si hanno notizie sull’eventuale messa in scena. Nella Biblioteca Nazionale di Napoli alla sez. Lucchesi-Palli, però, si trova un altro manoscritto intitolato “Nannina ’a castagnara, bozzetto napoleatno in un atto, seguito di “Nu guaglione ’e mala vita, Peppeniello ’o sparatore” di un autore chiamato Luigi Langella. Il testo richiama in linea generale “Vicienzo ’o sfriggiante” scritto da Starace, riportando in alcuni casi le stesse battute. I due testi differiscono per il maggior rilievo dato al personaggio di Nannina da Langella e per il finale. Nel testo di Langella, Vicienzo, infatti, non riesce a riportare Peppeniello sulla strada della mala vita ed è proprio Nannina a salvarlo uccidendo lei stessa Vicienzo. Ne riportiamo almeno un brano significativo:

Vicienzo: Alle corte tu saie pecchè so venuti ccà? So venuto pe dicere che tu è a lassà a Nannina, pecchè chella addà essere a mia.

Nannina: (A carugnone).

Peppeniello: E staie facenno tante chiacchere pe chella femmena, ma pigliatelle pecchè nun è pane pe diente mieie, na vota si, ma mo nun a carculo cchiù, e po fa chello ca te par e piace.

Nannina: (che curtellata a stu core).

Vicienzo: embè ncell’è a dicere tu stesso.

Peppeniello: jo, ma che staie mbriaco?

Vicienzo: mbriaco nce staie tu piezzo ’e carugnone (si accosta e gli tira uni schiaffo). Tira mano, che aie da murì. (cava il revolver).

Nannina: (in questo mentre avrà spiegato un lungo coltello, si fa avanti e lo colpisce al cuore) Aie murì tu…

Vicienzo: Mamma mia so muorto (cade come fulminato, è morto…).

Peppeniello: Nannì?!…

Nannina: abisso steva apierto, ncè so caduta pe te salvà…t’avasta?!...

(scena ultima, Nannina ’a castagnara, Luigi Langella).


Edizioni di riferimento:

Vicienzo ’o sfriggiante Ms. Lucchesi Palli 1530.

Nannina’a castagnara Ms. Raccolta Cennerazzo C 407.