Raffaele Colucci, La risposta de Don Ciccillo alla fanfarra, a cura di Rita Duraccio



La risposta de Don Ciccillo a la fanfarra è un’arietta napoletana del 1846, scritta da Enrico Gianni, pseudonimo di Raffaele Colucci (Napoli, 22 gennaio 1821 – 1° dicembre 1904), musicata da Giuseppe Bevignani ed edita da Fabbricatore.

Il testo è incentrato sul guappo Don Ciccillo, che ostenta con fierezza, e anche con una punta di esagerazione, tutti i lati positivi del suo status sociale. Ha una bella moglie ma, come ogni guappo che si rispetti, è sensibile alla bellezza femminile, e perciò se ne va a passeggio con il suo bastone, simbolo di potere, a corteggiare le altre donne. È ricco ed acculturato («Song’ommo de duttrine»), sottolinea che ha parenti conosciuti e temuti, ci tiene a mantenere l’ordine e non porta scompigli, ma pretende un profondo rispetto. Guai a chi osasse sfidarlo o disprezzarlo: Don Ciccillo saprà certamente far valere le sue ragioni («Mpace nu stammo chiu’»).

Ecco qui di seguito il testo:

1.

Eccome cca bonora Don Ciccio song’io

E tengo lu gulìo de ve canzunià,

Eccome cca bonora Don Ciccio song’io

E tengo lu gulìo de ve canzunià.

Pecche’ non so’ redicolo

De ire a la fanfarra

Lu flauto e la chitarra numme state a scumbina’

Lu flauto e la chitarra numme state a scumbina’.

2.

La sposa tengo ‘n casa,

Cu commete, e curteggio,

Si vaco a lu passeggio,

Llu pozzo buono fa’.

D’Abruzzo io so riccone

Nun songo nu Tamarra,

Ne vaco a la Fanfarra,

Lu mosca mmocca a fa’.

3.

Io lo Vastono porto,

Pe farme respettare,

Nun stongo a scombinare,

Mme saccio cumpurta’,

Nce veco meglio d’Argo,

Ognuno cca mo sgarra,

Don Ciccio alla Fanfarra,

Lu smocco nun sa fa’.

4.

Mm’ avite ‘nzallanuto,

Credite lu cerviello,

Ma io nun so Cuviello

Mme saccio regula’.

Lu sisco io ve lu sono,

A tuono dde Chitarra,

Don Ciccio a la Fanfarra,

Vuje state a scumbina’.

5.

De giarre mme crerite,

Se maie mme ‘n quietasse,

Se mille ne sfracasse,

Song’omme dde pava’.

Ca dde monete d’Oro,

N’accoppo na gran Giarra,

Don Ciccio a la Fanfarra,

Nun state mo a fruscia’.

6.

Nun songo nu ntruglione,

Mme faccio rispettare,

E po nu mio pare,

E ntiso a sta Citta’

Va lla’… jat’a bonora,

Va jate a la Fanfarra,

Don Ciccio mai nun sgarre

È ommo, e basta cca’.

7.

Nun songo nu moccuso,

Song’ommo de duttrine,

La lengua mia latina,

Se stace ad apprezza’

Onne nun m’apprettate,

Sino’ facimmo sciarra,

Don Ciccio alla Fanfarra,

Se face rispettà.

8.

Perzo’ mo ve l’avviso,

Don Ciccio reguardate,

Sino’ mme perdonate,

Mpace nu stammo chiu’.

E allora bene mio,

Cu spate, spite, e sbarre,

Don Ciccio a la Fanfarra,

Ve stace a risfira’.


Il brano, il cui testo è composto da 8 strofe senza ritornello, può essere considerato, nonostante il sottotitolo Arietta Napoletana, uno dei primi esempi di macchietta, un genere riconducibile allo spettacolo di varietà Ottocentesco. La caratteristica della macchietta è quella di essere un numero comico fatto di una sapiente mescolanza di monologo e canzone burlesca e ironica. Ma a differenza della canzone umoristica, questo genere conferiva alla musica la funzione di mero sottofondo, dando maggiore importanza, invece, alla mimica dell’interprete. Anzi, la musica doveva servire a favorire e ad assecondare l’interpretazione dell’attore/cantante, elemento portante di tal genere. Dunque, La risposta de Don Ciccillo a la fanfarra, potrebbe essere interpretata come una satira della figura del guappo.

Il brano è in si bemolle maggiore ed è in tempo ternario, per la precisione in 3/8. Le prime 9 battute introducono il graziosissimo tema. Quando poi è introdotto il canto, la musica svolge la funzione di puro e semplice accompagnamento in accordi. Finita la prima strofa, segue una coda che varia il motivo principale introdotto nelle prime 9 battute, per poi ricominciare daccapo ad ogni nuova strofa.