Salvatore Sparavigna, 'A camorra... song'io, a cura di Armando Rotondi




a camorra song io

Presentato nel corso del 2009 al PAN di Napoli, al MAV di Ercolano e a Casal di Principe, ’A camorra… song’io di Salvatore Sparavigni rappresenta un interessante video-documento, più che documentario, che evidenzia un punto fondamentale del rapporto tra la città, i suoi cittadini e la camorra. L’autore, partendo dall’omonima canzone degli A67, band napoletana che ha fatto della lotta alla camorra il centro della propria attività, pone la questione fondamentale che è anche titolo dell’opera: “la camorra sono io?” o “la camorra siamo noi?”. Si tratta di una domanda che vuole essere, in fin dei conti, un’indagine sulla presa di coscienza dei napoletani rispetto alla camorra. Un’interessante e sagace riflessione che si compone di cento brevi video-risposte, alcune volte anche lapidarie e fugaci, che Sparavigni raccoglie tra professionisti, politici, artisti, giudici, politici, artisti, studenti, gente comune, sino alle vittime innocenti delle faide. Si va dalle espressioni di solidarietà allo scrittore Roberto Saviano all’impegno in prima persona contro ogni forma di mafia e prepotenza ed in favore del ripristino della legalità.

Scrive lo stesso Sparavigni sul sito dedicato al progetto: “Quindi, tra una lettura di una pagina di Gomorra e l’altra, tra una manifestazione anticamorra e antiraket, tra un raduno contro le mafie e un altro, ho voluto accomunare tutti i partecipanti attorno ad un’unica domanda, forse provocatoria, e cioè appunto, ’A camorra… song io? (la Camorra sono io?), ponendo al centro dell’attenzione quanto reale o meno è la presa di coscienza del problema da questo punto di vista che, secondo l’autore, non è da sottovalutare. Dalle risposte ne è nato uno spaccato che, tra intellettuali e professionisti della cosiddetta Napoli bene (incontrati al PAN - Palazzo delle Arti Napoli - durante l’affollata serata del primo Leggo Saviano), tra i cittadini di Torre Annunziata (che con grande forza e determinazione hanno letto Gomorra con l’amplificazione in strada), tra gli abitanti della periferia in quel di Miano (che sulla loro pelle, tra le faide giornaliere, pagano con la vita le lotte tra bande) e tra i cittadini di Casal di Principe (la città che si spacca tra i Casalesi buoni e dei Casalesi cattivi, quelli descritti in Gomorra), ma anche tra gli studenti dell’Associazione Studenti Contro la Camorra (che in strada, manifestano indossando ognuno un fiocco fuxia, il colore della copertina di Gomorra), o tra i giudici anticamorra, che vivono blindati (Cantone) e tra preti con la scorta (don Luigi Merola) e tanti e tante altre testimonianze, non fa che farci riflettere su una certezza che a chi più e a chi meno, ci accomuna tutti e che non sempre dedichiamo la giusta attenzione. Cioè, si, la Camorra siamo anche noi”.

Ed ecco quindi che le video-risposte raccolte da Sparavigni vengono intervallate da istantanee che mostrano la quotidianità e i “piccoli” avvenimenti che comunemente si vivono. Un vivere costantemente implicati con inciviltà, bullismo, intolleranza, degrado, a sottolineare che la camorra siamo anche noi. Bisogna quindi partire da noi stessi per poter cambiare le cose.

Tra gli intervistati: Rosa Russo Iervolino, Raffaele Cantone, Rosaria Capacchione, Tano Grasso, Don Luigi Ciotti, Carlo Cerciello, Dino Di Palma, Silvana Fucito, Corrado Gabriele, Mario Guida, Ottavio Lucarelli, Paolo Macry, Aldo Masullo, Don Luigi Merola, Giorgia Meloni, Luigi Necco, Mario Orfeo, Raffaella Ottaviano, Francesco Pinto, Pasquale Scialò, Marcello Taglialatela.


Scheda tecnica

‘A camorra song’io?

regia di Salvatore Sparavigna

soggetto e sceneggiatura di Salvatore Sparavigna

montaggio di Salvatore Sparavigna

con Rosa Russo Iervolino, Raffaele Cantone, Rosaria Capacchione, Tano Grasso, Don Luigi Ciotti, Carlo Cerciello, Dino Di Palma, Silvana Fucito, Corrado Gabriele, Mario Guida, Ottavio Lucarelli, Paolo Macry, Aldo Masullo, Don Luigi Merola, Giorgia Meloni, Luigi Necco, Mario Orfeo, Raffaella Ottaviano, Francesco Pinto, Pasquale Scialò, Marcello Taglialatela

produzione Italia, 2009

durata 25 minuti


Bibliografia essenziale

D. Sanzione, ’A Camorra song’io? Cento risposte in video, in “Corriere del Mezzogiorno”, 30 aprile 2009, p. 14.