Raffaele Viviani, 'O guappo 'nnammurato, a cura di Rita Duraccio


O guappo ‘nnammurato è un brano del 1910 scritto da Raffaele Viviani (Castellammare di Stabia, 9 o 10 gennaio 1888 – Napoli, 22 marzo 1950), poeta, commediografo, attore, musicista e cantante, nonché autore di innumerevoli canzoni napoletane famose in tutto il mondo.

Il personaggio principale corrisponde totalmente al cliché del perfetto guappo. Il nostro “eroe”, infatti, «n'ommo 'e lignammo» temuto e rispettato da tutti, è stato un vero e proprio Don Giovanni finché non si è perdutamente innamorato di una donna tanto bella quanto crudele e che non ha alcuna pietà per i sentimenti del suo devoto spasimante. E così, sminuito e umiliato dagli spietati maltrattamenti verso il suo povero cuore da parte della gentil donzella, che rischiano di fargli perdere il dovuto rispetto dei suoi sottomessi, il malavitoso minaccia di farle seriamente del male se lei non si ridimensionerà, essendosi ridotto ad uno zimbello, ad una specie di «mastuggiorgio», ossia un infermiere di manicomio.

Ecco qui di seguito il testo di Raffaele Viviani:

Mm'hê 'ncarugnuto cu chist'uocchie belle,
mm'hê fatto addeventá nu vile 'e core,
n'ommo 'e lignammo. Nun só' cchiù Tatore,
'o mastuggiorgio 'e vasci'â Sanitá!
Nun só' cchiù io, mannaggi''a libbertá!

Scorz''e fenucchio!
Tengo nu bruttu pólice 'int''a recchia!
Só' bevitore 'e vino e, si mm'arracchio,
te scárreco 'a ricanna 'int''o renucchio!...
Scorza 'e fenucchio!

Mme tratte comme fosse n'ommo 'e paglia,
prumiette sempe e nun mantiene maje.
Ma nun capisce che, accussí, mme 'nguaje?
Nun saje ca, pe' rispetto a ll'umirtá,
'sta faccia accussì bella 'aggi''a sfriggiá?

Surzo 'e sciarappo!
Si arrivo a te piazzá stu miezu scippo,
p''o mmerecá nc'hê 'a mettere pe' coppa
nu palmo e nu ziracchio 'e sparatrappo.
Surz''e sciarappo!

Femmene belle sempe na duzzina
n'aggio tenute appése a stu cazone.
E mo mme stó' strujenno 'e passione
pe' te ca nun canusce caritá,
chi sa 'sta pelle addó' 'a vaco a pusá!

Fronna 'e carota!
Manco 'a quattuordece anne 'a carcerato.
Però, chi mme ce manna n'ata vota,
se fa 'nteresse sempe nu tavuto!
Fronna 'e carota!

Te si' pentuta? E basta nun fa niente!
Chello ch'è stato è stato e vienetenne!
C'è poco 'a dí, chi nénna se pretenne,
vicino a te nun have a che ce fá!
E' 'o stesso affetto ca mme fa spustá!

Tu 'o ssaje ca i' feto!
Si nun te 'nfilo 'o junco n'ata vota,
cu 'o curtelluccio mio a máneca 'e cato,
te scóso 'a 'nanze, 'a dinto, 'a fora e 'a reto!
Tu 'o ssaje ca i' feto!

‘O guappo ‘nnammurato, il cui testo è composto da 8 strofe senza ritornello, è una macchietta, ovvero un genere riconducibile allo spettacolo di varietà Ottocentesco. La macchietta è un vero e proprio numero comico che fonde monologo e canzone burlesca ed ironica. Ma a differenza della canzone umoristica, questo genere conferisce alla musica una funzione di mero sottofondo, finalizzato ad assecondare e a favorire l’interpretazione dell’attore/cantante, dando maggiore importanza, invece, alla mimica e alla bravura dell’interprete, vero perno di tal rappresentazione. Pertanto, l’interpretazione può anche essere piuttosto libera: l’attore può addirittura apportare delle variazioni ad libitum, comiche s’intende, al testo base, con il solo nobile scopo di divertire il gentile pubblico.

Dunque, quello della macchietta è un genere musicale vicino alle rappresentazioni teatrali. La lingua teatrale di Raffaele Viviani evoca il mondo della strada. Come spiega Nicola De Blasi, professore ordinario di Storia della Lingua Italiana presso l'Università di Napoli “Federico II”,  in un suo recentissimo studio (N. De Blasi, Storia linguistica di Napoli, Roma, Carocci, 2012), il dialetto napoletano utilizzato da Viviani risulta vicinissimo agli usi popolari. La lingua del poliedrico genio stabiese è stata molto spesso messa a confronto con quella impiegata nelle sue pièces da Eduardo De Filippo (Napoli, 24 maggio 1900 – Roma, 31 ottobre 1984). Ma la reale differenza tra i due grandi è piuttosto legata all’ambientazione delle loro opere, cui i due scrittori, «[…] da buoni osservatori della realtà, fanno corrispondere adeguati profili linguistici dei personaggi» (N. De Blasi, op.cit., p. 124). Viviani adotta dunque la lingua del “popolino”, quella di una plebe disperata che lotta ogni giorno per la sopravvivenza. Eduardo si volge invece al mondo piccolo e/o medio borghese, che certamente usa il dialetto, ma è sempre più aperto anche all’utilizzo dell’italiano.

Frenetico il ritmo di ‘O guappo ‘nnammurato, la cui tonalità spazia sapientemente dal modo minore al modo maggiore per tutto il brano. È doveroso sottolineare che l’artista stabiese, in particolare, ha dato vita nella sua fulgida carriera ad un tipo singolare di macchietta, caratterizzato da un vivacissimo tempo di marcia.

Per l’ascolto, propongo questa memorabile interpretazione di Nino Taranto:

http://www.youtube.com/watch?v=TpZRBwnnEoM