Enzo Avitabile, 'A peste, a cura di Sara Laudiero


 

Il brano fa parte dell’album Salvamm’ o munno (2004), nato dalla collaborazione di Enzo Avitabile con i Bottari, percussionisti di botti,  tini e falci, evocanti ritmi ancestrali, propiziatori ed esorcizzanti.

La canzone, che nel verso incipitario ricalca l’intonazione di una  preghiera, si configura come una richiesta d’aiuto, un’invocazione alla Vergine Maria affinché liberi la terra di Scampia dalla Camorra. Il termine non compare esplicitamente nel testo ma è sostituito dalla metafora della peste, indicativa della forza contagiosa e del potenziale mortifero intrinseco a questo morbo.

Sul piano armonico-strumentale il ritmo lento e cadenzato delle percussioni, l’organo e le voci trenodiche introducono un’atmosfera funerea e sacrale. Questo  tappeto sarà costante per tutta l’esecuzione divenendo ancor più drammatico in corrispondenza del ritornello - A Pest - , quando l’arpeggio della chitarra e la melodia della ciaramella evidenziano la dissonanza dei suoni di fondo,  ponendo l’accento sul motivo centripeto del componimento.

La voce recitata di Avitabile, scandita dal tempo battuto dai Bottari, denuncia la piaga sociale cui va ascritto il lutto.

La Camorra ha reso Scampia una piazza di spaccio di marijuana e soprattutto di cocaina, mentre la violenza di chi ne detiene il  monopolio imperversa seminando terrore. La futile bramosia di denaro e potere ha inficiato la realtà locale, pervertendone l’ordine finanche negli affetti familiari: matricidi, parricidi e fratricidi sono ormai frequenti tra i giovani affiliati che hanno ven-  duto la loro anima al sistema, imputridendola  fino a sacrificare i loro affetti e la loro stessa vita. É una strage che si consuma in silenzio, nell’indifferenza dei tanti che, preferendo non immischiarsi, chiudono la finestra al transito dell’ambulanza trasportante il corpo letalmen-te ferito di un ragazzo. La sua morte - metaforicamente espressa dal camminare scalzo - non stupisce, è una singola lacrima nell’immenso mare delle tante anonime vittime, dei tanti figli di dio nascosti, abbandonati a se stessi e alla loro realtà. L’atrocità delle avventate scelte di questa gio-ventù abbrutita induce l’autore, conscio  dell’ umano limite,  a interrogare la Santa Madre sulle ragioni di questo male. La sua richiesta nello stesso tempo trasuda di  incredulità e speranza: l’incredulità di chi non accetta che Dio sia indifferente e cieco dinanzi a una così grande sofferenza; e la speranza di chi, nonostante i dolori vissuti – camminando sulle spine e tra il fuoco - chiede aiuto al cielo  perché spiani la strada a un nuovo inizio di amore e verità.

 

Clicca qui per il video della canzone

 

Testo della canzone

Ave Maria,
ie veng acopp' Scampia
addo'na vota era canapa
mo spade e neve pe'a via
sentimenti ascarffati
juorne uno pe nato
na carezza maie asciuta
figli de Dio annascunnuti.

Santa Maria,
nun n’c’e’ sta niente a capi'
e' nu munno de mbruoglie
chiu speriscie e t'attache
cchiu t'arravuoglie
e so vulie e so verrizzi
profum ca puzza
sott'u surore anema chete
fa pantano e fete.

A peste!
A peste!

A paura nce fa addivinta' furesta
e s'accidono a mamme e pat, frate,
uno contro a nato
ma chi l'ha vuluta, chi nce l'ha mannata.

A peste!
A peste!

Nun se puo' muri' ciore
dance ‘o riesto
e simm jute e simm venuti
e e'ghiuta comme e'ghiuta
simme uommen e nun c’e arrivamm
e a te cercamm aiuto.

Ave Maria,
nun e' cazzimm da mia
ma nun sapimm a chi amma crerere
e a chi amma pria'
e si isso over nce ha criato
e nce vo' accussi' bene
pecche nce sta tantu mmale,
pecche nce stann tanti ppene.

Santa Maria, cammenanne ngopp'o ffuoco
jenne jenne ngopp'e spine
foss'o sole d'int'o core
uocchie ncielo pe guarda'
fosse overo nata vita
accumingianno do capo
sulamente ammor sule verita'.

A peste!

A peste!


Na carretta sona 'a campana
nchiur'a fenesta!
Pezz nfront, nguoll, nfaccia,
attuorn e piede e mmane
attravierz terr scavez
na lacrema int’ 'o mar.

A peste!
A peste!

Sicchie d'acqua, fuoco, villagi
capann e bestie
e simme jute e simmo venuti
e e'ghiuta comme e'ghiuta
simme uommene e nun c'e  arrivamm
e a te cercamm aiuto.

Ave Maria