Nino D'Angelo, 'A storia ' nisciuno, a cura di Sara Laudiero


 

Il singolo, presentato a Sanremo nel 2003 e scritto da Nino D’Angelo insieme a Carmine Tortora,  racconta la storia di un anziano camorrista che, facendo il resoconto della sua vita, deve confrontarsi con la sua coscienza.

All’interno del brano si distinguono  due colori di voci: a quella chiara e melodica della  interiorità si alterna quella rauca e aspra del delinquente.

D’Angelo le interpreta entrambe, mostrando che in realtà si tratta dello stesso personaggio: un boss latitante,  ritratto nell’intimo travaglio di una crisi esistenziale.

I primi versi sono intonati da ambedue i timbri vocali, e descrivono le origini anonime del protagonista, autodefinito un figlio del mare nato nella terra di nessuno.

Questa solitudine ontica palesa immedia-tamente uno scenario di disagio che trova corrispondenza nel contesto indigente, di fame e di sete, in cui il giovane  si ritrova a vivere.

L’unico modo per uscire da questa miseria è quello di schierarsi dalla parte del più forte, e fare della prepotenza la propria arma di vita.

Questo è il concetto rimarcato dal camorrista nelle battute successive, dove racconta con spavalderia di essere monco di tre dita, perse durante un conflitto a fuoco.

Il registro tonale melodico ritorna nuovamente quando la memoria dei suoi diciotto anni  induce il vecchio a rammaricarsi per l’inge-nuità che lo aveva costretto a sposare una  malafemmina ingravidata.

La voce della coscienza a questo punto diventa più incalzante rimpiangendo il mare, compagno delle sere angosciose, confidente silente e àncora di salvezza nei momenti di sconforto e paura.

Tuttavia la disoccupazione, accompagnata dalla cupidigia di soldi e potere, hanno fatto si che questo giovane disorientato scegliesse la malavita, tra criminalità e omertà.

Infine la volontà di sentirsi forte e prevaricare sugli altri lo ha portato in prigione.

Mentre la voce sprezzante del boss racconta con orgoglio l’ episodio che lo aveva consa-crato come re della strada e del quartiere, quella armoniosa della coscienza gli ricorda il duro epilogo ad esso conseguente: le buie notti trascorse in carcere gli hanno  sottratto il bene prezioso della libertà.

La canzone così si chiude all’insegna del pentimento volendo offrire un monito alle generazioni future.

Vedendosi solo, nonostante i sei figli e le tre mogli, latitante e stanco, il camorrista, constatando la vacuità della sua vita, esorta la gioventù a non correre dietro quella stessa fuorviante bugia: sognare di essere un re  nulla ha portato, se non allo sfacelo morale, alla perdita di se stessi e della propria libertà.

 

Clicca qui per il video della canzone

 

Testo della canzone

 

Io song figlio a' 'o mare,
nato int' 'a terra 'e nisciuno
addò se campa 'e famma e sete
tengo ddoie mane e sette dete
tre l'aggio perze pe' sparà
Ero guaglione a diciott'anne
tutto pe' colpa 'ell'ignoranza
mettetto incinta Maddalena
una puttana del quartiere
e m' 'a facetteno spusà

tenive 'o mare, pe ghì a parlà ogni sera
tenive 'o mare, e 'o mare te steva a sentì
tenive 'o mare, 'o mare p'alluccà cchiù forte
tenive 'o mare, 'o mare pe' fuì d' 'a morte

Disoccupato per mestiere
ma me piaceva 'e fa carriera
currenno appriesso a 'na buscia
me so truvato nmiez'a via
cu 'e senza legge e l'omertà
E aggiu visto 'a galera
la' dint' 'a notte è cchiù nera
è stata 'na combinazione
detto duie schiaffe a nu buffone
e fuie mpruvvisamente 'o rre

Tenive 'o mare pe' ghì a parlà ogni sera

tenive 'o mare, e 'o mare te steva a sentì
tenive 'o mare, 'o mare p'alluccà cchiù forte
tenive 'o mare, 'o mare pe' fuì d' 'a morte

Mo' cu' sei figli e tre mugliere
vaco fuienno iuorno e sera
cantato 'a chi nun canta maie
lassate sulo a guardà 'e guaie
a nun penzà pe' nun capì.
E mo' me trovo vecchio e stanco
dint'a sta vita vacanta
sulo a campà chino 'e penziere
ca nun me ponno purtà areto
e 'o mare ca nun è cchiu 'o mio