Rocco Hunt, 'Nu juorno buono, a cura di Rita Duraccio


 

‘Nu juorno buono è il titolo del brano con il quale il giovanissimo rapper salernitano Rocco Hunt, nome d’arte di Rocco Pagliarulo, il 21 febbraio 2014 vince la sessantaquattresima edizione del Festival di Sanremo nella categoria Giovani.


Con il suo testo, il giovane cantautore “un po’ scugnizzo un po’ intellettuale”, come lui stesso ama definirsi, vuole infondere coraggio e speranza negli abitanti della Campania, proprio come un raggio di sole illumina di positività il suo “giorno buono”, ed esortarli così a reagire ad una situazione di stasi ormai da troppo tempo divenuta abitudine mista a rassegnazione. Rocco canta la realtà della sua terra, lacerata da Camorra, illegalità e violenza, narra della tristemente famosa Terra dei Fuochi, devastata dai roghi di rifiuti, spesso tossici, che diffondono nell’atmosfera sostanze velenose quali la diossina, causa di molti tumori soprattutto in giovani donne e bambini. Quella che dovrebbe essere la terra del sole, invidiataci per secoli da tutto il mondo, oggi è ridotta ad una realtà dalla quale i giovani scappano per cercare lavoro, ingigantendo quel già insormontabile divario tra Nord e Sud Italia, evidenziato in questo brano anche dal doppio registro linguistico italiano-napoletano. Ma nel suo rap Rocco Hunt infonde anche messaggi di positività, vedendo nelle cose semplici come il caffè, uno dei simboli principe della realtà partenopea, la gioia del quotidiano, e nell’innocenza dei bambini che ancora non conoscono la realtà che li circonda una speranza per il futuro di questa – quasi di eliotiana memoria –  “terra desolata”.

Ciò che più colpisce di questo giovanissimo artista sono il forte senso di attaccamento alle proprie origini, rivelate con orgoglio da un accento che “si deve sentire”, il senso di rivalsa dei propri diritti di restare dove si è nati senza dover temere il futuro, e la grande umiltà di chi con le sue parole messe in musica ringrazia la madre per avergli insegnato a credere nei suoi sogni, a perseguirli e a realizzarli.


Il brano musicale, scritto da Rocco Hunt, Alessandro Merli e Fabio Clemente, si caratterizza per semplicità e linearità tali da mettere in rilievo il testo, che essendo un rap – quindi quasi prevalentemente parlato – deve mirare a porre in risalto soprattutto le componenti vocale, ritmica e testuale.

Dopo poche battute iniziali di assolo condotte dalla chitarra, inizia subito il rap misto ai ritornelli cantati e caratterizzati da un ritmo moderato ma coinvolgente.

 

Ecco qui di seguito il testo di ‘Nu juorno buono:


Questa mattina per fortuna c’è un’aria diversa
Il sole coi suoi raggi penetra dalla finestra
Quanto è bella la mia terra, mi manca quando parto
Porto una cartolina di riserva
Questo posto non deve morire
La mia gente non deve partire
Il mio accento si deve sentire
La strage dei rifiuti, l’aumento dei tumori
Siamo la terra del sole, non la terra dei fuochi
Questa mattina, per fortuna, la storia è cambiata
Vedo la gente che sorride spensierata
Non esiste cattiveria e si sta bene in strada
Il mondo si è fermato in questa splendida giornata


È ‘nu juorno buono
Stamatina m’ha scetato ‘o sole
L’addore d’o cafè
‘O stereo p’e canzone
‘A quanto tiempo ca nun stevo accussì
Ogni cosa accumencia pecché po’ adda fernì
Ma nun me manca niente
Stamatina nun me manca niente
Abbraccio a Gabriellino, s’addorme ‘ngoppa ‘o pietto
Nun sape d’e prublemi, nun sape e chisti schemi
Nun sape che ‘a vita dà ‘o doce e po’ t’avvelena


‘Nu bacio a mamma mia
Già ha fernuto ‘e fà i servizi
‘Na principessa ‘into ‘a miseria ha miso ‘o munno a ‘stu scugnizzo
‘Mparato ‘a piccolino ca nu suonno se realizza
Te cancellasse tutt’e rughe e tutt’e cose tristi


Dimentica di andare fuori per lavoro
Le nuove aziende fioriranno nel tuo territorio
Dimentica le banche, li presteremo noi a loro
Zero padroni, gli ruberemo il trono
Non c’è la fila allo sportello (e comm’è?)
Se tifi un’altra squadra sei lo stesso mio fratello
Fate l’amore invece d’impugnare quel coltello
La violenza è stata sempre il metodo di chi non ha cervello
Tagliate quella linea che divide Nord e Sud
Guardo il cielo per cercare chi purtroppo non c’è più.
Ma è un giorno nuovo anche per loro
E son sicuro che un sorriso l’ho strappato pure a voi lassù

È ‘nu juorno buono
Stamatina m’ha scetato ‘o sole
L’addore d’o cafè
‘O stereo p’e canzone
‘A quanto tiempo ca nun stevo accussì
Ogni cosa accumencia pecché po’ adda fernì
Ma nun me manca niente
Stamatina nun me manca niente
Abbraccio a Gabriellino, s’addorme ‘ngoppa ‘o pietto
Nun sape d’e prublemi, nun sape e chisti schemi
Nun sape che ‘a vita dà ‘o doce e po’ t’avvelena


È ‘nu juorno buono (4 volte)


È ‘nu juorno buono
Stamatina m’ha scetato ‘o sole
L’addore d’o cafè
‘O stereo p’e canzone
‘A quanto tiempo ca nun stevo accussì
Ogni cosa accumencia pecché po’ adda fernì
Ma nun me manca niente
Stamatina nun me manca niente
Abbraccio a Gabriellino, s’addorme ‘ngoppa ‘o pietto
Nun sape d’e prublemi, nun sape e chisti schemi
Nun sape che ‘a vita dà ‘o doce e po’ t’avvelena



È ‘nu juorno buono
Questo posto non deve morire
È ‘nu juorno buono
La mia gente non deve partire
È ‘nu juorno buono
Il mio accento si deve sentire
È ‘nu juorno buono

È ‘nu juorno buono
A mio zio ca se sceta ‘a matina
È ‘nu juorno buono
A Gennaro c’ha avuto ‘o criaturo
È ‘nu juorno buono
‘E pisciaiuole, ‘e fruttaiuole
È ‘nu juorno buono
Pe’ tutta ’a gente d’o rione

È ‘nu juorno buono



Clicca sul link per ascoltare il brano: http://www.youtube.com/watch?v=mt2QuQcb2oU