Ntò, Nuje vulimme ‘na speranza, a cura di Rita Duraccio


Nuje vulimme ‘na speranza è la colonna sonora ufficiale della serie tv Gomorra (2014). Il brano è tratto dall’album Numero 9 ed è stato scritto dal rapper Ntò (nome d’arte di Antonio Riccardi), ex membro del duo Co’Sang con Luca Imprudente (detto Luché), sciolto nel febbraio 2012, ed eseguito in featuring con il rapper Lucariello nell’ambito del progetto discografico Stirpe Nova.

Nel testo, interamente scritto in napoletano, riecheggia il grido disperato di chi anela ad una vita migliore, auspicata in particolar modo per le nuove generazioni. Il brano vuole essere una denuncia delle condizioni in cui versano molti luoghi – e di conseguenza i relativi abitanti – del Napoletano, caratterizzati da micro- e macrocriminalità dilaganti anche e soprattutto tra i giovanissimi, in un connubio dove camorra e istituzioni sono veri e propri binari paralleli. Per sperare in una vita nuova per le generazioni future bisognerebbe avere il coraggio di dichiarare guerra a quelle squallide illegalità che purtroppo, per paura o per comodo, il popolo partenopeo troppo spesso accetta con rassegnazione. La “stirpe nuova”, cui inneggia lo stesso progetto discografico, deriverà quindi dalla rivoluzione che ognuno sarà in grado di attuare prima nel suo piccolo e poi a livello sociale e collettivo, quando nessuno più resterà inerme dinanzi alle imposizioni di politici corrotti in combutta con la camorra. Il tema dei bambini come speranza del domani ricorre molte volte nel testo, spaziando dalla rievocazione dell’immagine del figlio per il quale l’autore desidera un destino diverso a quella dei bambini non ancora nati, simbolo di prosperità e fecondità, immagini quindi positive per il futuro.

Il brano musicale, dalla sapiente semplicità espressiva e dal ritmo moderato e sostenuto, è caratterizzato dalla ripetizione quasi ossessiva del leitmotiv tematico, che in modo estremamente lineare ruota su sé stesso senza variare mai, finalizzato a mettere in risalto il testo e le componenti vocali.


Ecco qui di seguito il testo di Nuje vulimme ‘na speranza:


Asciuto ajere ‘a vita accumincia mo
arèto ‘o 600 scarpe ‘ianche nove
io là nun ce torno pecché stanotte nun ce dormo
e penzo cchiù ‘a ‘na Benz o ‘na Range Rover
faccio vencere ‘a sfortuna tutt’e frate mi’ perdute
facevo parte r’e cunte nun è pe’ nuje ma p’e criature
nuje vulimme ‘na speranza ‘e campà senza chest’ansia
quanno tornano r’a scola, quanno stanno abbascio ‘o bar,
e mettono ‘mmano ‘e pistole, ‘a droga e tutte l’ata storie
atterrano ‘e camion c’e scorie e ce purtammo pure ‘e sciore
‘o penzammo tutte quanta ma nun ‘o dice mai nisciuno
nuje tenimmo ‘na domanda ma chi giudica a chi giudica?
è oggi ca se fa ‘o rimane, è logico ca si rimane inerme nun cagna niente

tiene ’e piere fridd’ ‘a vierno
nuje guardammo ‘a dint ‘o binocolo ‘sti bastardi comme ‘iocano
senza ‘o rischio ‘e jì carcerata proprio comme dint’o monopoli

Nuje vulimme ‘na speranza pe’ campà rimane
Mane aizate chesta ‘ccà và sulo pe’ chi rimmane

Nun saccio manco chi song’

Se straccia l’anema attuorno ccà
straccio pe’ tutt ‘e juorne ccà

spaccio quanno nun dormo
guardo ‘nfaccia quanne te sfonno
p’a raggia m’abboffo ‘e bombe
ca ‘e plance aizano ‘e suonne mi’
magie ca te fanno omm
‘a vita facile nun te ‘nfraceta te squaglia dinto all’acido
‘e vote nun me capacito, ‘e vote nun trovo pace
voglio n’ata prospettiva, prosperità attiva
guardo ‘a figliemo ‘a matina
pronto pe’ n’atu destino mastino

ma astipa astipa è castigo
stirpe nova dint’o festino te stira
istiga ‘a rivoluzione r’ogni persona
voglio benessere dint’a stu cesso
nun voglio comprensione
vuttate e futtete buono ‘o brutto fa tutto rummore
‘o lutto t’agliutte ‘e tumore me sfrutta me sfrutta e nun more
faccia dura r’a speranza c’e criature dinto ‘a panza
pozzo sulo guardà annanzo, arèto care rint’o vacante

Nuje vulimme ‘na speranza pe’ campà rimane
Mane aizate chesta ‘ccà và sulo pe’ chi rimmane

Basta c’e file, c’e prezzi ‘e l’affitto
rammella ‘e merda, aggia ritto, ma basta che è vita
‘e cose nun cagnano e nuje alluccammo
sulo quanno ‘e guaje ce stanno tuccanno
‘o stato t’appoja l’ecoballe ‘ngapa
tu scinne e te sballe comme a chi nun sape
pecché nun vuò sapé fratè ‘e rinunciato?
tien ‘e juorne comme ‘e sorde rint’a sacca cuntate.


Clicca sul link per ascoltare il brano: http://www.youtube.com/watch?v=Ke4M5KhzAYE