Co'Sang, Int'o rione, a cura di Rita Duraccio


Int’o rione è un brano del 2005 tratto da Chi more pe’ mme, primo album del duo hip hop napoletano Co’Sang, formato da Antonio Riccardi e Luca Imprudente, in arte rispettivamente Ntò e Luchè.


Come si evince già dallo stesso titolo, centrale nella canzone è il rione inteso come enclave, una sorta di ghetto, un vero e proprio quartier generale degli affari camorristici. Nel loro testo i Co’Sang scandagliano tutti gli aspetti che caratterizzano questi quartieri di camorra: denaro, auto di grossa cilindrata, vestiario griffato, elementi che contano più di tutto perché quasi sembrano rendere le persone più rispettabili – segno che, se l’apparenza inganna, almeno l’abito talvolta “fa il monaco” – droga, baby-delinquenti che si comportano già da giovanissimi come importanti boss di camorra, squillo, una vita di strada che offre continue prove da superare. Molto forte è l’immagine dei soldi nelle buste di plastica, che allude agli scambi tra politica/camorra e il Nord Italia/Nord Europa, in particolare ai traffici di rifiuti da e verso la Germania. Eppure, nel regno dell’apparenza, della malavita e della morte, dove “la pace sembra un’utopia”, uno spiraglio di luce è rappresentato dalla musica (“’a ’mmericina è ’a museca”), quella vera, che fa della vita di strada la sua fonte di ispirazione primaria (“’a strada comme ispirazione pe’ fa’ ’e dischi”) per scrivere testi veritieri, di denuncia di condizioni sociali malate ed oramai degenerate. Si intravede quindi una speranza nell’arte autentica, non in quella dei neomelodici che spopolano ai matrimoni dei camorristi.


Il brano rientra nel genere musicale hip hop/rap, caratterizzato da una particolare enfasi delle componenti ritmica, vocale e testuale. I testi di canzoni hip hop/rap sono quasi prevalentemente parlati e le basi musicali sono caratterizzate da semplicità e linearità tali da porre in rilievo principalmente il rapping dell’autore.

Quasi ossessivo è il motivo principale di Int’o rione, dove poche note in tempo quaternario – siamo in presenza di un 4/4 – vengono ripetute per tutto il corso del brano senza alcuna variazione.


Ecco qui di seguito il testo di Int’o rione:


Ce truove int’o rione
nun me sento bbuono, mammà
che me succere
’e frate mij s’o fummano ancora
e dinto ’e frase noste ’a rivoluzione
chist’è ’o sole nuovo
’o ssaje ca è mal’ammore

Se... fore r’e mmachine fumanno ’ngopp’e cuofane
primm’e faticà ’o microfono
’e cose ’rosse a chi ce prova
’e troie a chi s’e trova
Luca produce e dint’e strofe ’e poveri e ’e juorne ’nfami ca te fanno movere
se è d’o rione chi sta arinto veste buono
’a mugliera spenne e se pompa ’o guaglione ca venne int’o rione

e nun saje chi è ’o vero
t’offre nu taglio addo’ barbiere, po’ t’arrobba
tremma e mentre astregne ’o fierro ’ncapa tene l’ombra
frate contro a frate
miettete pure ’a mana ’nfronte
ma n’ato l’e aizzà
comme ’a capa ’e chi porta ’e ’mmasciate
stu munno zuoppo nun s’o piglia ’o meglio ’e nuje

Vutte l’acqua pecchè l’aria è chiena ’e raggia, frà
so’ frate ’ncatenate
e ’a vita scorre annanz’all’uocchie mentre fuje, frà
io sto ccà ammiscanno caffè latte cappuccino
femmene rireno
e ’a capa mia ca nun cammina
io so’ crisciuto cu chi ’mpenna e cagna ’e marcie c’e mmane
sempe vestute firmato
senza bisogno r’e pate

e mo?
e mo ce vire rint’e mmachine c’e rote cchiù grosse r’e cape noste
’e fanno apposta si nun ce guardano
ma io nun song’o classico pisciazziello ’e Napule
ca se sente a D’alessio e aroppo fa l’uocchie a cattive
’e schif’a tutte quante e tutt’a coca ca se tirano ’ngopp’e spusalizij
ce so stato addò s’accire l’arte [’o saccio]
io rappresento ’a vita ’o vero
chella c’e mmane ’ngopp’e ringhiere
addò ’o piacere s’ammesura a strisce
ammirazione pe’ chi è ricco senza rischi
’a strada comme ispirazione pe’ fa’ ’e dischi


Ce truove int’o rione
nun me sento bbuono, mammà
che me succere
’e frate mij s’o fummano ancora
e dinto ’e frase noste ’a rivoluzione
chist’è ’o sole nuovo
’o ssaje ca è mal’ammore

Ccà s’abbina ’a cinta c’a 9 e 21
’e cellulare squillano
’e facce e’ quarant’anni schijeno

a quanto costa costa
’e vvire sott’all’uocchie
’a roba scava
’a strada ’a rato n’atu esame
e nun ce pare strano
’e mmane ’e mmane
ca ’e figlij nuoste
se fanno uommene primma ’e se fa ’ruosse
chest’o ssaje ca va a Cerozzo [a te]
io mo sto ccà c’o fono mmano
aspettanno ca ’o sanghe evapora
guardanno ’e cunte trasere
e tutt’e frate mij
primma ’mpennano e po’ moreno e s’abbruciano
pe’ tramento ’e rime noste sonano
e ce mannano 1500 guardie e cchiù [mmerda]
e fermano mmane uno ’e nuje
pecché ’a famme allucca [seh]
a pietto annuro sacce ca ’a pace e n’utopia
pe cchesto io porto ’a raggia ’mmiezzo ’a via
pecché ’sti tarantelle se magnano ’a faccia mia
e io nun so’ stanco
e cchiù m’e danno e cchiù m’e piglio


’A ’mmiria arroseca
e ’a ’mmericina è ’a museca
tu ca me dice
io cresco muscole e vene e ccarico senza tabacco
senza n’abbraccio ’e faccio ’nfonnere
nennille se fanno uommene c’e sacche chiene
chi è de ccà sape ca r’è
chi vulesse essere ce fà veré quanta complessi tene
copia l’accento r’e case popolari
cu’ ati consonanti e ati vocali
staje male aropp’otto butteglie
’a genta nosta r’a Germania vonn’o meglio
pochi bagagli e sorde rint’e bust ’e plastica
buoni guagliuni fottono ’o stato c’e cappotti faveze
ma senza botte
è tutt’apposto

oggi ’a vita costa
te vereno elegante, te teneno ’nganna
so’ ridicule n’e dico ’e nomme llòro
comunica nu’ giudice
l’ammore è l'unico ca addora ancora
e se perde int’o rione, frà


Ce truove int’o rione
nun me sento bbuono, mammà
che me succere
’e frate mij s’o fummano ancora
e dinto ’e frase noste ’a rivoluzione
chist’è ’o sole nuovo
’o ssaje ca è mal’ammore

Clicca sul link per ascoltare il brano: http://www.youtube.com/watch?v=nXZDRkDx-Q8